Nappi: “Non esiste partito di Caldoro, vogliano riunire moderati”

Si sono aperti ad Avellino presso il Viva Hotel, con la partecipazione animata dei lavoratori dell’Irisbus della Valle Ufita, i lavori della terza tappa del ‘Tempo d’Ascolto’ promosso dal gruppo federato in Consiglio regionale, ‘Caldoro Presidente’. I lavoratori sono stati accolti e il portavoce, Nicola Palmarozza, ha posto i problemi vissuti dagli operai a causa della chiusura dello stabilimento ricevendo la solidarietà dei consiglieri regionali e degli amministratori presenti. Ad introdurre i lavori il consigliere regionale irpino Sergio Nappi, che ha spiegato le ragioni che hanno consentito di allargare il gruppo Caldoro, facendone un gruppo solido, coeso e orientato ad ascoltare le ragioni delle comunità. Un gruppo impegnato nella organizzazione di una serie di proposte legislative volte alla semplificazione e al decentramento amministrativo, mettendo in primo piano il ruolo strategico delle amministrazioni comunali. “Non esiste il partito di Caldoro – ha detto Nappi – ma lavoriamo per mettere insieme moderati e riformisti in una nuova esperienza politica che possa riformare le istituzioni e rinnovare la politica, partendo dalla centralità e dalla specificità dei territori”. Tra i presenti il sindaco di Grottaminarda, Giovanni Ianniciello, il sindaco di San Nicola Baronia, Franco Colella, il sindaco di Carife, Carmine Di Giorgio, il sindaco di Montella, Ferruccio Capone, il sindaco di Melito Irpino, Gerardo Sorrentino, il sindaco di San Potito Ultra, Alessandro Di Venuto, il vicesindaco di Roccabascerana, Domenico Carbone, l’assessore di Bisaccia, Vito Frascione, l’assessore di Gesualdo, Vincenzo Covino, il Consigliere Comunale e coordinatore cittadino del Pdl di Avellino, Adelchi Silvestri, il presidente del consiglio comunale di Altavilla Irpina, Marcello Severino, l’assessore del comune di Grottaminarda, Michele Cappuccio, il capogruppo del nuovo Psi, al comune di Ariano, Mario Manganiello, i consiglieri provinciali Antonio Volpe e Francantonio Rossi, il consigliere comunale di Santa Paolina, Giuseppe Martella, il consigliere comunale di Montefredane, Antonio Grossi, il consigliere comunale di Monteforte Irpino, Angelo Montuori, il consigliere comunale di Cervinara, Giuseppe Ragucci. Presenti, inoltre, gli esponenti del Nuovo Psi, Rossano Festa, Carmine Ruggiero e Tonino Bossone, l’ex consigliere regionale del Pdl, Roberto Castelluccio, il professore Elio Iannuzzi, l’imprenditore Francesco Passariello, il manager dell’Asl di Avellino, Sergio Florio, il rappresentante della Rsu della Ugl, Maurizio Spiniello, il rappresentante del forum regionale dei giovani, Michele Scibelli, il presidente di Assocasa, Elio Amodeo, di direttore di Asso-Api, Rino Bilotto. Molti gli interventi degli amministratori che hanno posto l’accento sui tagli subìti dai comuni dal governo Monti, e tal proposito hanno apprezzato l’atteggiamento intrapreso in questi mesi proprio dal Governatore Caldoro sulla difesa delle ragioni del Mezzogiorno.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]