Idv: “Crisi nera per l’Irpinia, serve una svolta dopo l’estate”

“E’ un’Irpinia in ginocchio quella che ci consegna il più triste mese di agosto della storia di questa provincia che negli anni scorsi era noto per le piazze festose e la gioia dei tanti migranti che tornavano ai paesi d’origine”. Lo sostengono in una nota il coordinatore provinciale Idv Enzo Lippiello e il suo vice Gaetano Alvino. “Mai gli annali di questa terra ricordano tante vertenze aperte,tante emergenze che non si fa in tempo a tamponarne qualcuna che già dietro la porta se ne intravede un’altra. L’Irisbus – c’è ancora scritto – è sicuramente la questione più nota ma non per questo bisogna dimenticare la criticità degli operai idraulico-forestali delle comunità montane in primis quelli della Partenio-Valle Lauro per quali auspichiamo una concreta risoluzione della vertenza,la condizione di precarietà dei dipendenti della piccola e media industria del distretto della pelle di Solfora,le tante piccole aziende che dalla mattina alla sera alzano bandiera bianca e da ultimo la situazione di quei lavoratori degli enti pubblici,come il comune di Lauro che da circa un anno non percepiscono lo stipendio. Se poi il rapporto dello Svimez ci dice che due giovani su tre non solo non lavorano ma hanno anche smesso di cercare un’occupazione, allora quello che una volta si chiamava “autunno caldo” crediamo possa diventare “esplosivo”. Urge allora una sinergia tra tutte le forze politiche,sindacali ed istituzionali per portare all’attenzione del governo centrale quella che è ormai diventata la “questione Irpinia” . Una vicenda fatta di ospedali e scuole che chiudono,linee ferroviarie soppresse,fabbriche che scappano dopo aver beneficiato di contributi pubblici ,migliaia di operai difficili da ricollocare nel mondo del lavoro e quindi manodopera appetibile per la criminalità organizzata. Mettiamo al primo punto dell’agenda politica di settembre un’iniziativa comune, nessuno escluso, per dire basta al disinteresse ed alla sufficienza con le quali viene trattata la provincia di Avellino dalle istituzioni nazionali”.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]