Ferrante: “Voglio un PD come i poliziotti a Torino”

“Come una rivoluzione, così un semplice gesto può fare rumore. Ho percepito un grande sentimento di solidarietà e responsabilità umana nel vedere i poliziotti abbracciare i manifestanti a Torino. I servitori di uno Stato, ladro e al contempo padrone, si sono ribellati ad una classe dirigente killer”. E’ quanto afferma Nicholas Ferrante, vicesegretario del circolo PD del Comune di Luogosano. “L’esasperazione della gente – prosegue – ha superato ogni limite: un genitore cassaintegrato nega un pezzo di pane domani per servirlo ai propri figli oggi. Chi è impegnato in politica dovrebbe porsi il problema e ascoltare questa triste realtà. Voglio un PD che tenda non una, ma entrambe le mani. Un PD che accenda il focolare della certezza nel futuro e che strizzi un occhio alle famiglie. Un PD che ridia sicurezza ai tanti lavoratori, dicendo semplicemente loro che le imprese non chiuderanno né domani né dopodomani. Voglio dunque un PD che, come i poliziotti ieri nel capoluogo piemontese, abbracci la gente per farla sorridere. Una prospettiva non si costruisce con le parole, ma con i gesti semplici. Basta volerlo, mettendoci la faccia”, conclude Ferrante.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]