Caso Urciuoli, le precisazioni di Lippiello

In merito a quanto accaduto nell’ultima seduta di consiglio comunale ad Avellino, il coordinatore provinciale IdV, Vincenzo Lippiello, ritiene doveroso fare alcune precisazioni: “In sintonia con il coordinatore regionale On. Formisano, l’Italia dei Valori di Avellino, quale forza che ha sostenuto il sindaco Galasso alle scorse elezioni, qualificandosi già in occasione dell’accordo elettorale “forza leale ma scomoda” non ha alcuna intenzione di abbandonare la coalizione di centro sinistra al comune di Avellino in un momento di forte fibrillazione politica come quello attuale. Diversamente da quanto riportato da alcuni mezzi di informazione, il consigliere Urciuoli non ha mai affermato di “passare all’opposizione” ma di aver assunto“ comportamenti contrastanti con la maggioranza” che ritengo rientrino nel normale diritto di critica da parte di chi ricopre ruoli di responsabilità soprattutto se poi lo si fa con passione. Non comprendo perché quando le contestazioni arrivino da altri esponenti della coalizione compreso anche qualche mio collega di partito si considerino costruttive mentre quando giungono da chi non è obbligato a dire “si” in modo incondizionato vengono valutate diversamente. Per quanto attiene agli equilibri interni all’IdV, non è assolutamente mia intenzione caricare il sindaco di competenze non sue, ma è innegabile il ruolo che l’elettorato ed i regolamenti conferiscono al consigliere Urciuoli. Alla luce di tutto ciò, considero opportuno valutare attraverso un confronto serio, quanto realizzato del programma oggetto dell’accordo elettorale tra tutte le forze del centro-sinistra, e quindi avviare un dialogo leale tra i partiti che metta definitivamente da parte i personalismi”.

Ultimi Articoli

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]