Inchiesta Aias, Maraia (M5s): “la Morgante parte del sistema, si dimetta”

“La Morgante si dimetta”. Così il parlamentare pentastellato Generoso Maraia. “Le indagini che hanno coinvolto le associazioni Aias e Noi con loro, fanno emergere un quadro preoccupante della gestione dei servizi di cura ai disabili e, più in generale, dell’intero sistema della sanità in provincia di Avellino . Ad oggi le indagini hanno portato agli arresti domiciliari il presidente dell’associazione Aias, l’architetto Bilotta, e all’obbligo di firma la moglie di Ciriaco De Mita Anna Maria Scarinzi. Dalle intercettazioni telefoniche viene fuori un intreccio forte tra politica e sanità, mondo nel quale poter fare affari. Le persone interessate, tra le quali il figlio dell’Architetto Bilotta, lo stesso Bilotta, la signora Scarinzi ed il Manager Asl Morgante, rappresentano un forte legame tra le due associazioni, il mondo politico e la sanità, legame che negli anni ha alimentato il più becero clientelismo politico”.

“Non entro nel merito dell’inchiesta onde evitare strumentalizzazioni ma non posso esimermi dall’esprimere il mio stupore dopo aver appreso che la Manager Morgante fosse a conoscenza di tutto. Seppur non indagata la Morgante non è immune di giudizio politico, la sua vicinanza alle persone interessate dall’indagine ci impone una riflessione seria. Dobbiamo scindere la politica dalla sanità. La manager dell’Asl, come risulta dalle intercetteziani con il Bilotta, era a conoscenza di tutto soprassedendo su tutto, sulla mancanza di accreditamento, sulla gestione dei fondi pubblici, sull’inadeguatezza delle strutture, sul mancato pagamento dei salari ai dipendenti. La signora Morgante fa parte a tutti gli effetti del sistema politico Demitiano, per questo alla luce delle indagini in corso e dei gravi fatti che ne emergono chiedo le sue immediate dimissioni”.

“Grazie alla lettura delle intercettazioni ho capito per quale motivo la Dirigente Asl Morgante non risponde alle richieste che le ho rivolto sull’accreditamento delle strutture private in provincia. Ho chiesto più volte alla Morgante di sapere quante sono le strutture ed i soggetti privati che operano nella sanità irpina, ho chiesto più volte di poter vedere i contratti stipulati dall’ASL con tali soggetti, al fine di poter verificare in che modo vengono spesi i soldi dei cittadini. Ho chiesto più volte di sapere a che punto sono le procedure per la realizzazione della radioterapia presso l’ospedale di Ariano dal momento che tutto lascia pensare che la radioterapia verrà collocata presso la clinica privata di Mirabella e non nell’ospedale pubblico di Ariano. Nessuna risposta. La trasparenza non piace alla Morgante, la quale preferisce non rendere pubbliche le informazioni che per legge sarebbe tenuta a dare. Ho capito che per tutte le domande che ho rivolto alla Morgante ho sbagliato interlocutore, avrei dovuto rivolgermi a De Mita e non a lei”.

“Per questi motivi chiedo le dimissioni della Morgante, o meglio, per questi e per altri validi motivi che stanno causando numerosi danni alla sanità irpina. Penso alla riduzione dei posti letto pubblici, allo spezzettamento dell’offerta sanitaria che è funzionale solo alle cliniche private e dannoso per i cittadini, penso al drammatico taglio dei posti di guardia medica, alle condizioni di lavoro inaccettabili nei 118. Chiederò al Ministro della Salute il suo intervento sulla questione. Non possiamo lasciare la sanità pubblica in mano a dei politici senza scrupoli, non possiamo continuare ad alimentare questo sistema politico, dobbiamo mettere fine alla prima repubblica in Irpinia”.

Ultimi Articoli

Top News

Il Milan conquista l’Europa ai rigori, Rio Ave eliminato

2 Ottobre 2020 0
VILA DO CONDE (PORTOGALLO) (ITALPRESS) – Incredibile a Vila Do Conde, ma alla fine un brutto Milan approda alla fase a gironi di Europa League grazie ad una rocambolesca e infinita sequenza ai calci di rigore. Anche in emergenza di formazione, faticando più del dovuto e con un pareggio raggiunto solo all’ultimo minuto del secondo […]

[…]

Top News

Assobibe, Pierini nuovo presidente “Con sugar tax rischio chiusura pmi”

1 Ottobre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – Giangiacomo Pierini è stato eletto nuovo presidente per i prossimo 4 anni di Assobibe, l’Associazione di Confindustria che rappresenta le imprese che producono e vendono bevande analcoliche in Italia. Pierini, che succede a Vittorio Cino, assume la guida dell’Associazione in un periodo critico per l’intero comparto delle bevande, con volumi in contrazione […]

[…]

Top News

Brexit, procedura d’infrazione Ue contro la Gran Bretagna

1 Ottobre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – Altro che accordo. La Brexit è diventata l’occasione per un grande scontro legale fra l’Unione europea e il governo britannico. La Commissione europea, infatti, ha aperto una procedura d’infrazione contro il Regno Unito per aver violato gli obblighi connessi all’accordo di recesso stipulato lo scorso anno. “Londra ha un mese per rispondere”, […]

[…]

Top News

La Juve trova Messi in Champions, Inter col Real, Atalanta ad Anfield

1 Ottobre 2020 0
GINEVRA (SVIZZERA) (ITALPRESS) – Sorteggio non impossibile per le quattro italiane che saranno impegnate nella Champions League 2020-21. L’urna di Ginevra riserva a Juventus, Inter, Atalanta e Lazio gironi dove passare il turno è alla portata. I bianconeri (gruppo G) se la vedranno col Barcellona di Messi e dell’ex Pjanic ma pescano anche Dinamo Kiev […]

[…]

Top News

A settembre immatricolazioni auto in crescita

1 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – A settembre la Motorizzazione ha immatricolato 156.132 autovetture, con una variazione di +9,54% rispetto a settembre 2019, durante il quale ne furono immatricolate 142.532.Nello stesso periodo sono stati registrati 362.523 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +6,95% rispetto a settembre 2019, durante il quale ne furono registrati 338.957. […]

[…]

Top News

Conti pubblici, a settembre fabbisogno settore statale a 21,9 miliardi

1 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – A settembre, secondo i dati del Mef, il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di 21.900 milioni, in lieve miglioramento rispetto al risultato del corrispondente mese dello scorso anno (-22.787 milioni). Il fabbisogno dei primi nove mesi dell’anno in corso è pari a circa 128.200 […]

[…]