Conviene aprire una società a Londra?

Sempre più spesso, per sfuggire al terribile sistema italiano di burocrazia e tassazione, molte aziende si rivolgono al mercato estero ed aprono attività con sede in diversi paesi, magari svolgendo parte del loro lavoro in Italia.

Uno dei paesi preferiti di questa tendenza è il Regno Unito, anche se, in piena Brexit la cosa non è poi così chiara.Le terre della Regina sono ancora uno dei luoghi più indicati per fondare la propria società, in modo tale da ottenere vari benefici ed evitare spese e problematiche legate alle solite follie tutte italiane.

Attenzione a quello che cercate

Bisogna tenere presente come l’apertura di una società in Inghilterra non vada ad abbattere costi diversi da tassazione e burocrazia. Di conseguenza non si deve pensare che gli scarsi introiti della propria ditta, dovuti magari a un mercato depresso o ad alti costi di produzione possano essere risolti con una semplificazione burocratica. In questo caso si dovrebbero invece valutare gli propri errori e, nel caso della mano d’opera scegliere magari paesi con un tenore di vita inferiore e di conseguenza salari più bassi e una riduzione nei costi di produzione.

Un altro mercato

L’ideale in realtà sarebbe aprire in UK e lavorare in UK, lasciando perdere l’Italia del tutto. In questo caso ci si ritroverebbe di fronte a un mercato molto più snello e regolarizzato, a un flusso di affari estremamente positivo ed a una situazione che, va ammesso, in Italia è solamente un sogno. Nel Regno Unito infatti l’economia, nonostante qualche incertezza, si muove piuttosto bene, per cui ci si ritroverebbe di fronte a una situazione non di crisi, come quella a cui si é ormai abituati qua in Italia, con la possibilità di fare impresa come non avveniva da anni, clienti paganti e grande interesse alle novità.

Legalità

Altro elemento importante è quello della legalità. Aprire un’azienda in Inghilterra significa dimenticare quelle fatture che nessuno paga (e dimenticare anche di non pagarle). Il sistema UK funziona infatti molto bene, è tutelato e non scende a compromessi su inadempienze e mancanze. Se l’obiettivo è fare i furbi col fisco e non pagare mano d’opera e fornitori, allora decisamente é il paese sbagliato. Ma per chi cerca legalità e la sicurezza di un sistema ben rodato da una giustizia funzionante, allora l’Inghilterra potrebbe essere la terra del proprio business. Preparatevi quindi ad affrontare traduzione di atti societari, studiate bene l’inglese e date inizio a questa nuova avventura imprenditoriale!

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 18/10/2021

18 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – No Green Pass: continuano le manifestazioni di protesta nei porti e nelle città – Ballottaggi: in calo l’affluenza alle urne nel primo giorno – Covid 19: oltre 2300 casi in 24 […]

Top News

Nuovo accordo Confindustria-Intesa Sanpaolo, 150 mln per la crescita

18 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Carlo Bonomi, presidente di Confindustria e Carlo Messina, consigliere delegato e Ceo di Intesa Sanpaolo, hanno firmato il nuovo Accordo per la crescita delle imprese italiane.Il nuovo percorso congiunto “Competitività, Innovazione, Sostenibilità” metterà a disposizione delle imprese italiane 150 miliardi di euro per promuovere l’evoluzione del sistema produttivo su questi tre driver […]

[…]

Top News

Mattarella “Addolora la violenza che ostacola la ripresa”

18 Ottobre 2021 0
PISA (ITALPRESS) – “Sorprende e addolora che proprio oggi vediamo una ripresa, e non quando vi erano momenti con l’orizzonte oscuro, quando si temeva il crollo del Paese, proprio adesso esplodono fenomeni, iniziative e atti di violenza e di aggressiva contestazione. Quasi a volere ostacolare la ripresa che il Paese sta vivendo e che deve […]

[…]

Top News

McDonald’s con Ghali per raccontare come cambia il Big Mac

18 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – McDonald’s lancia il nuovo modo di preparare i panini, e con l’occasione annuncia una nuova collaborazione con Ghali, uno dei volti italiani testimoni dei valori dello stare insieme, dell’inclusione e della multiculturalità.Quella con Ghali si inserisce nella scia delle collaborazioni internazionali portate avanti da McDonald’s in altri Paesi con artisti come Travis […]

[…]

Top News

Dal Pino “Stato non ha a cuore calcio, daspo a vita ai razzisti”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – E’ una ferita aperta, anche se ancora in tempo per essere guarita. “E’ difficile comprendere come uno stato non abbia a cuore settore che ha versato oltre 14 miliardi di contribuzioni”. Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A e vice-presidente vicario della Figc, non nasconde la delusione cocente per il decreto […]

[…]