A marzo boom del mercato automobilistico. Quali sono le ragioni e quali le auto più vendute?

automobili

Il mese di marzo si è chiuso con un +18,16% per il settore automobilistico italiano. Un risultato assolutamente ottimo e rincuorante per l’economia nazionale che continua a soffrire la diffusa crisi.

Sono state 226.163 le vendite che hanno fatto segnare la variazione di oltre il 18% rispetto a marzo dell’anno scorso. Una crescita costante comunque, perché a febbraio 2017, con 184.278 immatricolazioni, c’era già stata una variazione positiva di +6,46% rispetto a febbraio 2016. Bene anche l’usato che a marzo ha registrato 460.814 trasferimenti di proprietà, con un incremento di +4,76% rispetto allo stesso mese del 2016.

In base alle analisi degli esperti del settore, tale incremento può essere riconducibile a diversi fattori.

Prima di tutto c’è l’aspetto commerciale che vede un gran numero di iniziative promozionali lanciate dalle compagnie automobilistiche o direttamente dalle concessionarie. Poi il lancio continuo di modelli nuovi che stimola il cambiamento e che aggiunge costantemente novità e funzionalità innovative. Ciò spinge ancora di più a ritenere obsoleto il proprio parco auto. C’è poi anche una motivazione di carattere ecologico legata ai consumi. In tanti infatti decidono di affidarsi a carburazioni alternative a quelle classiche, consapevoli del fatto di poter ottenere un risparmio.

A tal proposito, infatti, la motorizzazione Gpl a marzo è cresciuta del 33,6% raggiungendo una quota del 6,1% e quella ibrida è salita di oltre il 72%. Salgono poi del 9% anche le vendite delle vetture elettriche, mentre le uniche con il segno negativo sono quelle a metano (-27,3%). A chiusura del primo trimestre dell’anno, la situazione generale vede il diesel rappresentare quasi il 56% del mercato, la benzina il 33,4%, il Gpl il 6,3%, le ibride il 2,7%, il metano l’1,6%, mentre le elettriche lo 0,1% del totale.

Ma quali sono le automobili più acquistate dagli italiani nell’ultimo anno?

Ecco la classifica top ten delle auto più immatricolate in Italia da marzo 2016 a febbraio 2017 (dati dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, elaborazioni UNRAE, Publieditor):

  1. Fiat Panda  149.898 unità
  2. Lancia Ypsilon  66.300 unità
  3. Fiat 500L  54.212 unità
  4. Fiat 500  46.602 unità
  5. Fiat 500X  44.846
  6. Fiat Punto  44.488 unità
  7. Ford Fiesta  44.212 unità
  8. Renault Clio  43.070 unità
  9. Volkswagen Polo  42.467 unità
  10. Volkswagen Golf  38.705 unità

Ultimi Articoli

Top News

Il Bayern travolge la Lazio, i tedeschi vincono 4-1 all’Olimpico

23 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La Lazio si risveglia dal sogno europeo e il Bayern Monaco ne fa un sol boccone vincendo 1-4 allo stadio Olimpico nell’andata degli ottavi di finale di Champions League. Le reti di Lewandowski, Musiala e Sanè nel primo tempo, poi l’autogol di Acerbi a inizio ripresa. Magra consolazione il gol della bandiera […]

[…]

Top News

Tiger Woods in ospedale dopo un incidente d’auto

23 Febbraio 2021 0
LOS ANGELES (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Tiger Woods è finito in ospedale dopo un brutto incidente d’auto nella Contea di Los Angeles, con i vigili del fuoco e i paramedici intervenuti sul posto che hanno avuto bisogno delle tenaglie per estrarlo dalla vettura. Lo riporta il sito “Tmz”, che cita un comunicato del dipartimento della […]

[…]

Top News

Coronavirus, 13.314 nuovi casi e 356 decessi in 24 ore

23 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Significativa crescita dei contagi da coronavirus in Italia. Sono 13.314 i nuovi positivi (ieri erano 9.630). In crescita anche i decessi a 356. Sono questi i dati contenuti nel consueto bollettino del Ministero della Salute.Rispetto a ieri sono stati effettuati 130 mila tamponi in più, esattamente 303.850 e che fa scendere l’indice […]

[…]

Top News

Zona arancione rafforzata nel Bresciano, Bertolaso “E’ la terza ondata”

23 Febbraio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Chiusura delle scuole elementari, dell’infanzia e dei nidi. Divieto di recarsi presso le seconde case, utilizzo dello smart working obbligatorio nei casi in cui è possibile. Oltre a obbligo a indossare mascherine chirurgiche sui mezzi pubblici e chiusura delle attività universitarie in presenza. E una nuova rimodulazione del programma di vaccinazioni mantenendo […]

[…]