E gli USA finalmente scoprirono il bidet… Ma perché fuori dall’Italia è poco diffuso?

Con 300 anni di ritardo negli USA scoppia la moda del bidet. L’oggetto, che Italia rappresenta un normalissimo, quanto indispensabile, componente da bagno di uso quotidiano, in moltissime parti del mondo (sempre se non si tratti di case di persone di origine italiana) è invece un vero e proprio alieno della casa.

Quante volte, viaggiando in diversi Paesi del mondo, ci siamo chiesti perché mancasse il bidet?

A quanto pare gli Stati Uniti d’America iniziano ad andare controcorrente, mostrando di apprezzare quest’abitudine molto italiana. Stando a recenti statistiche, infatti, si evince che dal 2010 le vendite sono aumentate di almeno il 10% annuo,  e nel 2016, ad esempio, le vendite hanno superato il 30% rispetto a quelle dell’anno precedente. Un oggetto che diventa trendy anche tra le nuove generazioni a stelle e strisce e che trova consensi tra gli ambientalisti (meno carta igienica utilizzata) e tra i medici (maggiore igiene e minori malattie intime).

In molti appartamenti di ridotte dimensioni, invece, impazza il washlet, ovvero un water che funge anche da bidet (molto diffuso in Giappone).

Ma la domanda sorge spontanea: ci volevano oltre 300 anni per scoprire questo sanitario? Perché il bidet non ha mai spopolato all’estero?

Il motivo principale risiede nel suo utilizzo. La sua origine è francese (il nome deriva dalla parola francese “bidet” che sta a indicare il pony per la posizione che si assume durante la seduta) e pare fosse stato introdotto da Maria dè Medici nel XVII secolo.

Nonostante l’origine nobile, però, ben presto i bidet si diffusero principalmente tra le case d’appuntamenti. Da ciò è nata la sua scarsa fama: considerato come strumento legato alla connotazione di “sporco”, viene evitato e si preferisce non usarlo (come per esempio i britannici e gli statunitensi che lo scoprirono nei bordelli francesi durante la Seconda Guerra Mondiale).

Nel territorio italiano, invece, l’introduzione si deve ai Borbone che furono i primi a comprenderne l’utilità diffondendolo nel Regno delle Due Sicilie. L’Italia resta il Paese che lo utilizza maggiormente (con una percentuale del 97%), ma il bidet è rintracciabile in misura inferiore anche in Portogallo, Spagna, Grecia, come pure in Brasile, Paraguay, Cile, Argentina e Uruguay. In Francia, infine, ha perso popolarità nel corso degli anni soprattutto per ragioni di spazio.

Ultimi Articoli

Top News

Il “Dekra Road Safety Award 2021” al Politecnico di Milano

26 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – E’ stato assegnato al Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, il Premio Internazionale “Dekra Road Safety Award 2021” giunto alla quarta edizione. A ritirare il premio Marco Bocciolone, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica. Il riconoscimento, che valorizza le realtà italiane, aziende o figure professionali più attive e brillanti nell’ambito della […]

[…]

Top News

Primi 9 mesi 1,68 mln nuclei beneficiari reddito-pensione cittadinanza

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel periodo gennaio-settembre 2021, secondo i dati dell’Inps, i nuclei percettori di Reddito di Cittadinanza (RdC) sono stati oltre 1,52 milioni, mentre i percettori di Pensione di Cittadinanza (PdC) sono stati più di 160mila, per un totale di oltre 1,68 milioni di nuclei e quasi 3,8 milioni di persone coinvolte, per un […]

[…]

Top News

Sud, Draghi “I ritardi nella spesa una tassa sul futuro dei giovani”

26 Ottobre 2021 0
BARI (ITALPRESS) – “Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità. La responsabilità è del Governo, ma anche dei Comuni e degli altri enti territoriali.I ritardi nella spesa, che per troppo tempo hanno colpito il Mezzogiorno, sono un ostacolo […]

[…]

Top News

Dieta chetogenica, Mech “Italia prima in Europa sulla ricerca”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La Tisanoreica è considerata da molti ormai la dieta chetogenica mediterranea”. Così Gianluca Mech, fondatore di Tisanoreica, intervistato da Claudio Brachino per la rubrica “Primo Piano” dell’Agenzia Italpress.“Mentre ci contendiamo quella classica mediterranea in almeno sette paesi del bacino mediterraneo – ha aggiunto Mech -, quella chetogenica è solo italiana”.Il fondatore di […]

[…]

Top News

Vaccino, Fedriga “Le Regioni sono pronte per la terza dose”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Le Regioni sono pronte per la terza di vaccino. E’ stato fatto un grande sforzo organizzativo, dalle agende vaccinali agli operatori, fino alle strutture, noi siamo disponibili a organizzare la somministrazione della terza dose di vaccino se la scienza dirà che è utile farla. Dobbiamo seguire le indicazioni ufficiali e scientifiche per […]

[…]