Come si sviluppa il processo creativo degli effetti sonori dei giochi presenti nei casinò

Il suono dei rulli che girano, le musichette di accompagnamento, quelle legate alla tanto agognata vincita seguita dal dolce rumore delle monete.

In tutti i casino AAMS questo tipo di scenario rappresenta la normalità e allo stesso tempo il sogno di qualsiasi giocatore.

I suoni che accompagnano l’esperienza di gioco sono creati ad arte per ingenerare eccitazione, attesa e dipendenza, in modo che il giocatore sia spinto a continuare a spendere, cercando di massimizzare l’investimento iniziale.

Non si tratta ovviamente di canzoni e musiche ricercate, ma di tappeti sonori ed effetti che devono essere associati al mezzo, ossia la macchina, e che quindi non possono che essere costruiti con sequenze di poche note e sonorità digitali.

Ma anche dietro quella apparente semplicità esiste un disegno ben preciso, raggiungibili solo attraverso capacità specifiche dei creatori di questi jingle. Note che devono allo stesso tempo suonare familiari ma nuove ed originali per rendere quel gioco quanto più unico nel panorama ludico dei casinò.

Lavoro ripetitivo e monotono?

Chi compone musica penserà che il lavoro di creazione di questo tipo di suoni possa essere quanto di più noioso possa esistere nel mondo della creatività legata alle note. In realtà molto dipende da quanta passione uno ci mette e dal grado di fantasia e d’immaginazione di ciascun professionista.

Alcuni sono riusciti a creare delle carriere di alto livello, che gli permettono di guadagnarsi da vivere in maniera stimolante, e non cambierebbero mestiere per niente al mondo. Si tratta anche qui di un lavoro in continua evoluzione e che può avvalersi di strumenti tecnologici sempre nuovi e che deve essere svolto gomito a gomito con i designer del gioco e gli ingegneri del suono.

Processo di composizione

La prima cosa da fare è senz’altro quella di cercare di comprendere al meglio il tema che contraddistingue il gioco, andando a vedere la grafica, le regole generali e le icone. Questo permetterà di iniziare a mettere giù un tappeto sonoro capace di intonarsi al meglio all’esperienza che si vuole costruire. Inoltre, nel caso in cui il tema sia legato a personaggi o film famosi, ci sarà la possibilità di utilizzare quelle che sono le musiche caratteristiche ad essi collegati, inserendoli anche solo di sfuggita, all’interno delle proprie creazioni per renderle ancora più familiari e accattivanti alle orecchie del giocatore.

Ogni fase del gioco deve essere accompagnata da suoni in grado di caratterizzarli al meglio e di creare un certo tipo di effetto.

La suspense durante lo svolgimento, momenti contraddistinti dall’attesa sull’esito della giocata per capire se la fortuna è stata benevola. Poi i singoli effetti legati alle singole mosse da compiere,  e infine quelli che sanciscono l’esito finale del gioco: in calare e mai troppo mesti nel caso di risultato non soddisfacente, festosi ed elettrizzanti in caso di vincita, anche se la stessa spesso non va neppure lontanamente a coprire quello che si è perso.

La ricompensa è quella parte del gioco che incide maggiormente sulla propensione alla spesa del giocatore, e per questo è necessario amplificarla il più possibile.

Ossessionati dai suoni delle slot

I suoni delle macchine da gioco può creare dipendenza e anche la scienza lo ha appurato. Ma in alcuni casi questo tipo di musica ha ispirato iniziative particolari e insolite.

Alcuni si sono lanciati nella scrittura di libri ispirati alla fascinazione che le atmosfere dei casinò e dei suoi rumori sono in grado di creare.

Altri invece hanno creato delle vere e proprie compilation, pubblicate da regolari case discografiche, con al loro interno i motivi più riusciti legati ai giochi da casinò di maggior successo.

Creazioni che non possono non essere definite di nicchia, certo, e sicuramente lontane dal clamore del mainstream, ma che comunque sono parte integrante del panorama discografico. 

Ultimi Articoli

Top News

Mattarella “Addolora la violenza che ostacola la ripresa”

18 Ottobre 2021 0
PISA (ITALPRESS) – “Sorprende e addolora che proprio oggi vediamo una ripresa, e non quando vi erano momenti con l’orizzonte oscuro, quando si temeva il crollo del Paese, proprio adesso esplodono fenomeni, iniziative e atti di violenza e di aggressiva contestazione. Quasi a volere ostacolare la ripresa che il Paese sta vivendo e che deve […]

[…]

Top News

McDonald’s con Ghali per raccontare come cambia il Big Mac

18 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – McDonald’s lancia il nuovo modo di preparare i panini, e con l’occasione annuncia una nuova collaborazione con Ghali, uno dei volti italiani testimoni dei valori dello stare insieme, dell’inclusione e della multiculturalità.Quella con Ghali si inserisce nella scia delle collaborazioni internazionali portate avanti da McDonald’s in altri Paesi con artisti come Travis […]

[…]

Top News

Dal Pino “Stato non ha a cuore calcio, daspo a vita ai razzisti”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – E’ una ferita aperta, anche se ancora in tempo per essere guarita. “E’ difficile comprendere come uno stato non abbia a cuore settore che ha versato oltre 14 miliardi di contribuzioni”. Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A e vice-presidente vicario della Figc, non nasconde la delusione cocente per il decreto […]

[…]

Top News

Urne aperte per i ballottaggi alle 7, affluenza in calo

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Si e’ fermata al 33,34% l’affluenza nel primo giorno dei ballottaggi nei 65 Comuni chiamati al voto, secondo la rilevazione delle 23 di ieri del Viminale. I seggi hanno riaperto alle 7 e si votera’ fino alle ore 15. Subito dopo avverra’ lo spoglio delle schede. L’appuntamento elettorale coinvolge circa 5 milioni […]

[…]

Top News

Green Pass, Toti “Giusto manifestare, no bloccare chi vuole lavorare”

18 Ottobre 2021 0
GENOVA (ITALPRESS) – “Ho parlato con il Ministro dell’Interno, con il prefetto e il questore di Genova oggi. Il punto è che le proteste sono assolutamente legittime, ma la maggioranza del Paese si è espressa chiaramente a favore di un’Italia che riparte. E non sarebbe tollerabile allora che i porti diventassero la frontiera ostaggio di […]

[…]