Solofra: Depurazione, transizione fra le polemiche

Solofra: Depurazione, transizione fra le polemiche
La transizione dalla vecchia alla nuova gestione del ciclo depurativo a Solofra continua ad essere accompagnato da strascichi polemici. Nel pomeriggio di ieri presso la sede della Provincia di Avellino c’è stato l’incontro per la transizione dell’impianto di Solofra-Mercato San severino alla Regione…

Solofra: Depurazione, transizione fra le polemiche

La transizione dalla vecchia alla nuova gestione del ciclo depurativo a Solofra continua ad essere accompagnato da strascichi polemici. Nel pomeriggio di ieri presso la sede della Provincia di Avellino c’è stato l’incontro per la transizione dell’impianto di Solofra-Mercato San severino alla Regione Campania. Un passaggio obbligato, e quasi annunciato, legato alla chiusura dell’esperienza commissariale del generale Jucci. La notizia vera però arriva dal fronte sindacale e lavorativo. Dagli inizi di ottobre i dipendenti dell’impianto di depurazione di Solofra, e solo quelli solofrani nonostante l’impianto sia considerato un tutt’uno con la struttura di Mercato San Severino, hanno avviato un periodo di cassa integrazione a rotazione. In realtà la rotazione anziché riguardare tutti e quarantuno i dipendenti della struttura solofrana ne ha toccati solo ventuno e nemmeno per un periodo omogeneo visto che alcuni hanno fatto quindici giorni, altri un mese altri ancora un mese e mezzo di cassa-integrazione con differenti ricadute dal punto di vista del trattamento retributivo. Il colpo più duro però i lavoratori toccati dalla cassa integrazione lo hanno ricevuto nelle giornate di martedì e mercoledì. Invitati dall’azienda e quindi dal Commissariato di Governo e quindi da una emanazione della Stato a raggiungere il centro per l’impiego di Avellino per prendere parte ad un percorso di formazione si sono trovati di fronte a ben altro. Presso la struttura di via Pescatori ad Avellino ai ventuno lavoratori interessati dall’accesso all’ammortizzatore sociale è stato chiesto di firmare un “patto di servizio” pena la perdita dei “benefici” della cassa-integrazione guadagni. Un aut aut che i lavoratori hanno rigettato.

Ultimi Articoli

Top News

Renzi “Il coprifuoco va tolto, non serve più”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il coprifuoco va tolto perchè non serve più, perchè ogni giorno mezzo milione di persone si vaccina a fronte di 10mila contagiati. Va tolto del tutto. Se va ancora tenuto, direi al limite fino a mezzanotte”. A dirlo il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a “Dritto e Rovescio” su Rete4.“Ora la […]

[…]

Top News

Giustizia, Salvini “Raccoglieremo firme con i radicali per referendum”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Questo Parlamento con Pd e 5Stelle non farà mai una riforma della giustizia. Per questo stiamo organizzando con il Partito Radicale una raccolta di firme per alcuni questiti referendari”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini nel corso della registrazione di Porta a Porta.La mia posizione sul coprifuoco? “Penso che si […]

[…]

Top News

Giochi, Schiavolin (Snaitech) “Sostenibilità driver di innovazione”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Salutiamo con grande favore i numerosi messaggi di approvazione che ci sono pervenuti a vario titolo per l’adesione di Snaitech all’United Nations Global Compact, la più grande iniziativa a livello mondiale per la sostenibilità del business. Si tratta di un importante progetto che rappresenta solo una parte dell’impegno che da anni ci […]

[…]