Abeti Natale privi di radici: denuncia del circolo Legambiente

Abeti Natale privi di radici: denuncia del circolo Legambiente
“Da qualche giorno ci stiamo interrogando sulla provenienza dei due abeti comparsi nelle piazze di Solofra. Con grande amarezza, condiviso da tantissimi cittadini che ci hanno contattato, abbiamo costatato che entrambe gli alberi sono privi di radici e quindi tecnicamente PIANTE MORTE”. E’ la denunc…

Abeti Natale privi di radici: denuncia del circolo Legambiente

“Da qualche giorno ci stiamo interrogando sulla provenienza dei due abeti comparsi nelle piazze di Solofra. Con grande amarezza, condiviso da tantissimi cittadini che ci hanno contattato, abbiamo costatato che entrambe gli alberi sono privi di radici e quindi tecnicamente PIANTE MORTE”. E’ la denuncia fatta in una nota, da parte del circolo Legambiente Volontariato “Soli Offerens” di Solofra. “Ci chiediamo – si legge nella nota – il senso di tale scelta da parte della nostra amministrazione, che ancora una volta ci dimostra la poca attenzione verso i temi ambientalisti. E’ totalmente diseducativo per tutti e soprattutto per i più piccoli porre alberi del genere (quello di piazza San Michele avrà almeno 50 anni) privi di vita, cosa dovrebbero apprendere i piccoli? Si induce a pensare che gli alberi si possono tagliare a piacimento per abbellire una piazza, senza avere alcun rispetto della pianta stessa (scusate ma qui ci vuole una nota.. è difficile abbellire quel pugno nero che ha rovinato una della piazze più belle del Mezzogiorno d’Italia). Perché porre alberi privi di radici?Perché mettere in Piazza un albero privo di vita? Tralasciando la collocazione dell’albero a Piazza San Domenico (mettere una pianta del genere in una fontana, pensiamo non siamo proprio idoneo, i bambini come faranno a posizionare le proprie letterine?) Come circolo, ma soprattutto come cittadini di Solofra chiediamo a quest’amministrazione di essere trasparenti e indicarci: 1.La provenienza degli abeti; 2.la spesa sostenuta dal comune (perché se si trattano di piante da vivaio, la spesa sarà stata molto onerosa). In vista della conferenza sui cambiamenti climatici che si sta svolgendo a Copenaghen, evento lontano da noi, ma che ci riguarda tutti, chiediamo oggi alla Solofra istituzione come vuole affrontare e soprattutto quando si deciderà a trattare le importanti questioni legate all’ambiente? Non siamo solo noi circolo che chiediamo risposte, ma sono i tanti bambini che con noi sono cresciuti, ai quali stiamo dando una coscienza ambientalista che oggi ci chiedono i fatti….e questo ci dispiace dirlo, attualmente a Solofra non vi sono. Nei prossimi giorni, sotto invito del Sindaco, il circolo scriverà la sua letterina di Natale, non indirizzata a Babbo Natale, ma all’amministrazione tutta di Solofra. Siamo sicuri che siamo ancora in tempo, affinché anche Solofra incominci ad entrare tra le città virtuose e vicine all’ambiente (vedi le vicine realtà di Mercato San Severino o Salerno)”.

Ultimi Articoli

Top News

Sud, intesa Di Maio-Carfagna per l’internazionalizzazione delle imprese

13 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il ministro per gli Affari esteri e la Cooperazione internazionale, Luigi di Maio, e il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, hanno firmato un protocollo d’intesa che dà avvio a una collaborazione istituzionale volta a rafforzare le misure a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese del Mezzogiorno, anche attraverso la […]

[…]

Top News

BAT investe 20 milioni per l’acquisto di tabacco italiano

13 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Anche per il 2021 British American Tobacco (BAT) Italia sceglie l’agricoltura italiana. In occasione dell’evento “Acquisto di tabacco e filiera sostenibile: l’impegno di BAT per il settore tabacchicolo italiano”, organizzato da BAT e ITALTAB in collaborazione con Confagricoltura e CIA-Agricoltori Italiani, alla presenza anche del sottosegretario per le politiche agricole alimentari e […]

[…]

Top News

Parmigiano Reggiano, vendite +12% rispetto al periodo pre-pandemia

13 Maggio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Il Parmigiano Reggiano chiude il primo trimestre 2021 con le vendite a volume che hanno registrato una crescita del +12% rispetto al periodo pre-pandemia, 8.627 tonnellate contro le 7.704 del 2019, mentre gli altri formaggi stagionati a pasta dura si sono fermati al 5%.“Un dato straordinario se si considera l’impatto del Covid […]

[…]