Contrasto all’inciviltà e ai reati ambientali: ci pensano i Carabinieri

Dove non arrivano i servizi pubblici (vedi indecenza dei cassonetti pieni di spazzatura e le strade piene di merda canina), riescono a intervenire i Carabinieri. Magari per questioni di maggiore rilevanza ma altrettanto gravi e per le quali nessuna amministrazione comunale si era preoccupata di intervenire.

Fatto sta che i Carabinieri della Compagnia di Avellino, hanno eseguito predisposti servizi, intensificando i controlli presso i centri di raccolta e smaltimento dei rifiuti ma anche ispezionando attività presenti sul territorio nonché le zone più isolate al fine di prevenire l’abbandono incontrollato dei rifiuti. E così 6 persone, per adesso, sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Avellino e dovranno, nel più breve tempo possibile, procedere alla bonifica delle zone in questione per non incorrere in ulteriori reati.

Montefredane è stato individuato un sito interessato dall’abbandono incontrollato di rifiuti di vario genere  di circa 500 m² ed è stata denunciata una donna avellinese;  a Solofra è stato denunciato un 50enne di origini salernitane in quanto ritenuto responsabile di aver realizzato uno stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi senza la prescritta autorizzazione, sdi un area di circa 1000 m²: l’area veniva sottoposta a sequestro preventivo; ad Atripalda è stato accertato uno sversamento di rifiuti speciali nella fognatura delle acque bianche che confluiscono nel fiume Rio Rigatore; pertanto i militari della locale Stazione denunciavano il legale rappresentante del caseificio, responsabile dello sversamento dei reflui provenienti dal suo processo produttivo;  a Cervinara è stata sottoposta a sequestro un’area di circa 100 m² dove un 45enne del posto aveva accantonato ed abbandonato del materiale ferroso: l’uomo veniva denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di abbandono di rifiuti;  a Mercogliano un meccanico del luogo è stato denunciato per aver depositato in area non autorizzata vari rifiuti derivanti dal proprio ciclo produttivo (olio motore, barattoli di vernice e lubrificanti) in maniera promiscua e non distinti per natura e tipologia e senza la dovuta autorizzazione; ad Avellino, via Pennini, è stata individuata un’area di circa 200 m² contenente numerosi rifiuti – pericolosi e non – di varia natura.  

Ultimi Articoli

Top News

Conte “Calo Pil sotto la doppia cifra, dato confortante”

29 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “L’Italia sta dimostrando resilienza anche economica. Prevediamo un calo pesante del Pil, ma ragionevolmente, saremo sotto la doppia cifra e questo ci conforta molto”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa, al termine dell’incontro, a Palazzo Chigi, con la Presidente della Confederazione svizzera, Simonetta Sommaruga. “Se consideriamo […]

[…]

Top News

Inter, Conte “Numericamente siamo più protetti in mezzo al campo”

29 Settembre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – “Sta facendo molto bene, sono contento per Pippo, per quanto fatto nella passata stagione e quanto stanno facendo in questo avvio di stagione”. Lo ha detto il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, alla vigilia della trasferta di campionato di domani (ore 18) allo Stadio Vigorito contro il Benevento, lodando il lavoro del suo […]

[…]