Tunnel di Avellino e traforo del Partenio: come sprecare soldi pubblici

La lunga e tuttora incompleta storia del tunnel di Avellino ha insegnato nulla.

Da quasi 12 anni si attende la realizzazione dei 490 metri di sottopasso che collegano Via Luigi Amabile con Rampa San Leonardo.

Si è perduto il conto dei soldi elargiti ai tecnici, imprese di costruzioni e affini.

Come si è perduto il numero delle promesse registrate – specialmente nelle varie campagne elettorali – che assicuravano la pronta realizzazione di un’opera che appare uno spillo rispetto a quella faraonica che ha in mente il presidente della Provincia di Avellino: il traforo del Partenio.

Altro buco

Vecchio tunnel, nuovo traforo, un altro buco per tirare fuori soldi pubblici destinati ai privati, con seri dubbi circa la necessità di un’opera i cui tempi di realizzazione è difficile prevedere.

Soldi per progettazione, studio di fattibilità, studi tecnici pronti a pronunciari in merito ai quesiti, imprese di costruzioni in predicato di partecipare al bando per l’assegnazione dei lavori.

I costi? Inutile parlarne perchè lieviteranno in modo esponenziale rispetto a quelli immaginati.

Intanto si comincia a spendere un pò di soldi per fare lavorare professionisti e studi tecnici.

A giorni saranno affidati gli incarichi ai valenti esperti pronti a studiare (lautamente pagati, è ovvio) come fare il buco sotto la montagna di Montevergine.

Si parla di 150mila euro, tanto per iniziare. Soldi che magari potevano essere destinati all’acquisto di mascherine, di questi tempi, riscontrando sicuramente maggiore consenso da parte della popolazione che ancora non ha capito a cosa possa servire quel tunnel.

Soldi che potevano essere utilizzati per la sistemazione di strade disastrate, lungo la rete delle Provinciali.

Ottanta milioni

Per la realizzazione del traforo del Partenio, che dovrebbe misurare tre chilometri e 800 metri, si parla di una spesa di 80 milioni di euro

C’è pure chi si azzarda a fare previsioni per la realizzazione dell’opera. Facendo un pagarone con il tunnel di Avellino, in 45-50 anni si potrebbe vedere completato il traforo del Partenio.

In modo concreto, il comitato “No Traforo” (una specie di “no tav” ma con con argomentazioni realistiche) ribadisce con forza la sua contrarietà alla realizzazione del traforo del Monte Partenio, replicando immediatamente all’annuncio del presidente Domenico Biancardi per il quale il progetto deve senz’altro essere realizzato.

Ecco il comunicato del comitato “no traforo”.

“Apprendiamo dai giornali che in questi giorni il Presidente della Provincia prova a dare seguito alla sua idea del tunnel sotto il Partenio, affidando incarichi per il progetto di fattibilità tecnica ed economica.

Se è vero che la crisi pandemica segnerà la storia di questo secolo, con enormi ricadute sui settori economici, produttivi, sociali, sanitari, è difficile comprendere come il perseguimento di obiettivi di modifica e trasformazione di un territorio e che incidono sulla vita delle comunità possano essere ancorati a visioni del tutto disarticolate da quelle che dovrebbero i target da perseguire nel post pandemia: partecipazione, condivisione, tutela ambientale, monitoraggio e controllo delle ricadute ambientali economiche e produttive.

È necessario, ora più di prima, effettuare scelte oculate che indirizzino le risorse pubbliche verso uno sviluppo sostenibile ambientalmente e che dia ricadute effettive sul territorio. L’idea di spendere in per un’opera che richiederà anni per poter essere messa in cantiere, oltre ad essere impattante e inefficace, ci appare lunare in questa fase, in cui andrebbero messe in campo le risorse per completare le opere già avviate e cantierabili, a partire dalla Paolisi-Pianodardine e dall’adeguamento e potenziamento del trasporto su ferro, piuttosto che di quello su gomma.

In più, l’attivismo di questi giorni sembra voler eludere il confronto democratico su queste questioni, confidando nell’impossibilità da parte di cittadini e associazioni di potersi confrontare in iniziative pubbliche di discussione, di analisi e di contrasto a tali scelte.

Come comitato ci ripromettiamo di riprendere appena sarà possibile il lavoro da dove lo avevamo lasciato, organizzando momenti di riflessione pubblica sull’argomento. Nel frattempo ribadiamo con questa nota la nostra contrarietà all’opera, e al modus operandi del Presidente della Provincia”.

Ultimi Articoli

Top News

Scontri Roma, Salvini “Lamorgese si prenda le sue responsabilità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quel cretino, quel delinquente, non doveva essere in quella piazza. Perchè ce l’avete lasciato? Ministro si prenda le sue responsabilità, se non l’ha capito che stava succedendo è grave, se l’aveva capito era ancora più grave. Se non sapete isolare 20 imbecille non sapete fare il vostro lavoro”. Così il leader della […]

[…]

Top News

Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono cresciuto leggendo libri basati sui film. Ne ho riletti alcuni e ho pensato: perchè non farlo con un mio film?. C’era una volta Hollywood è piaciuto tanto e avevo tanto materiale anche non montato. E’ vero che è una specie di espansione di un mio film ma è anche un romanzo […]

[…]

Top News

Covid, 2.697 nuovi casi e 70 decessi

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – I nuovi positivi al coronavirus, secondo i dati del ministero della Salute, sono 2.697 in crescita rispetto ai 1.597 di ieri. Il numero dei decessi sale dai 44 di ieri ai 70 di oggi. I tamponi processati sono 662 mila, con un tasso di positività che scende allo 0,40%. Lieve calo dei […]

[…]

Attualità in Irpinia

Giornalismo in lutto: è morto Gianni Raviele

19 Ottobre 2021 0

Morto all’età di 89 anni Gianni Raviele, storico giornalista ed esperto di cultura campano. Nato a San Martino Valle Caudina, in provincia di Avellino, era stato tra i padri fondatori del Telegiornale delle 13.30 sulla […]

Top News

Achille Lauro, esce il nuovo brano “Io e te”

19 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “Io e te”, scritto e interpretato da Achille Lauro, esce venerdì 22 ottobre su tutte le piattaforme digitali e in radio. Il brano accompagna il lancio di Anni da Cane, un film di Fabio Mollo, prodotto da Notorious Pictures, disponibile dal 22 ottobre in esclusiva su Amazon Prime Video, che vede Achille […]

[…]

Top News

Senatrice entra senza green pass, lavori in Commissione sospesi

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Lavori sospesi alla commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. La senatrice di Alternativa C’è, Bianca Laura Granato, è entrata rifiutando di mostrare il proprio green pass e si è recata nella sala dove si riunisce la commissione. Il presidente della Commissione Dario Parrini ha quindi sospeso i lavori.Ieri la senatrice aveva annunciato […]

[…]