Vertenza Irisbus, Zecchino: “Se ne parli in consiglio regionale”

“Gli esiti dell’incontro romano tra Irisbus, sindacati e governo, stando alle prime notizie di stampa, mi appaiono se non deludenti almeno interlocutori”. Questo il commento del consigliere regionale Ettore Zecchino al termine del vertice presso il Ministero dello Sviluppo. “La battaglia – ha continuato – deve proseguire, ma saranno altri i tavoli capaci di imprimere una vera svolta. Fermo restando il forte plauso a tutti i presenti all’incontro, non si può infatti non chiedere una prova d’appello per il Ministro Romani e il Governatore Caldoro. Sono loro, infatti, gli interlocutori straordinari legittimati e qualificati ad affrontare una vertenza di tale portata”.
“A maggior ragione – ha proseguito Zecchino – sembra quanto mai opportuno reiterare con forza la richiesta di portare la questione direttamente in consiglio regionale. Al di là di tecnicismi e sterili rivendicazioni di competenze, considererei infatti gravissimo relegare a rango di semplice spettatore il consesso più direttamente rappresentativo del territorio”.
“Da consigliere regionale diretta espressione del territorio ufitano – ha concluso Zecchino – mi sento inoltre di dover promettere ai dipendenti Irisbus e dell’indotto coinvolti in questa triste vertenza una incondizionata solidarietà, convinto della piena fondatezza delle loro ragioni e dell’opportunità strategica di preservare, anche al di là degli attori coinvolti, le linee produttive dello stabilimento e, di conseguenza, i livelli occupazionali”.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]