Irisbus, i deputati irpini: si incoraggi prosieguo dell’operazione

“Sulla vertenza Irisbus, l’esecutivo ha deciso di interloquire da subito in modo costruttivo con il Parlamento, già promotore di una mozione unitaria approvata all’unanimità, e per questo non possiamo che esprimere un giudizio positivo su quanto il viceministro De Vincenti è riuscito a fare fino ad oggi”. Lo affermano in una nota congiunta i deputati irpini Valentina Paris, Luigi Famiglietti, Angelo Antonio D’Agostino, Giuseppe De Mita e Giancarlo Giordano, dopo l’incontro tenutosi nel pomeriggi…

“Sulla vertenza Irisbus, l’esecutivo ha deciso di interloquire da subito in modo costruttivo con il Parlamento, già promotore di una mozione unitaria approvata all’unanimità, e per questo non possiamo che esprimere un giudizio positivo su quanto il viceministro De Vincenti è riuscito a fare fino ad oggi”. Lo affermano in una nota congiunta i deputati irpini Valentina Paris, Luigi Famiglietti, Angelo Antonio D’Agostino, Giuseppe De Mita e Giancarlo Giordano, dopo l’incontro tenutosi nel pomeriggio presso la sala del Governo di Montecitorio, con il viceministro Claudio De Vincenti.
“Allo stato delle cose sembrano profilarsi tre certezze per il futuro dell’ormai ex Irisbus: la prima ė che lo stabilimento di Valle Ufita riprenderà a costruire autobus, seppure di tipo diverso da quelli che si costruivano una volta e con l’apporto della fabbricazione cinese delle parti di carrozzeria; la seconda è una parziale riconversione funzionale al revamping; la terza ė che saranno mantenuti gli attuali livelli occupazionali. È molto, è sufficiente, è poco? Crediamo che ogni ragionata valutazione non possa prescindere dall’attuale condizione della Irisbus, per cui tutto ciò che arriva è un passo avanti rispetto all’esistente. Tuttavia, non possiamo non rinviare l’opinione complessiva sull’operazione alla verifica degli stati d’attuazione del piano industriale, che resta il punto cruciale insieme al piano finanziario”.
“De Vincenti ha detto che i soldi ce li metterà la King Long Italia, che detiene l’80-85% del nuovo pacchetto azionario; e questo era scontato. Un’opinione complessiva maturerà solo alla fine di giugno, con la definizione degli accordi tra la Newco e le parti sociali. Fino ad allora il nostro giudizio è positivo ma prudente. Riteniamo, infine, che le parti sociali e le parti istituzionali centrali e locali abbiano il dovere di incoraggiare il prosieguo dell’operazione, con tutte le verifiche che una questione così complessa e delicata richiede”.

Ultimi Articoli

Avellino

Fallimento Elital, un arresto e tre interdizioni

24 Novembre 2021 0

Nella giornata odierna, al termine di attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, hanno dato esecuzione all’ordinanza emessa dal G.I.P. presso il […]

Attualità

L’Asl di Avellino potenzia i centri vaccinali

24 Novembre 2021 0

In relazione all’aumento delle adesioni per la somministrazione della terza dose, a seguito dell’apertura a tutte le fasce di età e il contestuale accorciamento dell’intervallo per la somministrazione della dose “booster” ( da 6 a […]