Primo Maggio, l’Ugl sbarca in Sicilia

“Con lo sviluppo rinasce il lavoro” e’ lo slogan che l’Ugl ha scelto per il 1° maggio che quest’anno si celebrera’ nella citta’ di Priolo Gargallo. Alla volta della Sicilia è partita stamane anche una delegazione da Avellino guidata dal Segretario dell’Ugl-Utl Costantino Vassiliadis. “Come dichiarato dal Segretario Generale Giovanni Centrella – afferma il Segretario dell’Ugl-Utl di Avellino Costantino Vassiliadis – senza idee concrete per lo sviluppo, il nostro Paese non potrà uscire dalla crisi e quindi creare nuova occupazione.
L’Ugl ne è convinta e lo ribadirà proprio in occasione del 1° maggio dal Mezzogiorno, dalla Sicilia in particolare, dove la chiusura di diverse aziende e la crisi di interi settori, dimostrano che in Italia non abbiamo bisogno di altro rigore, e soprattutto di flessibilità in uscita”. E proprio in occasione del 1° maggio “… un pensiero è rivolto alla famiglia del 48enne di Avella che si è tolto la vita perchè aveva perso il lavoro. Non ha retto all’impossibilità di trovare una nuova occupazione. Mai come quest’anno in occasione del 1° maggio, l’Ugl chiede al Governo atti concreti e realizzabili che creino nuova occupazione e sviluppo – conclude il Segretario dell’Ugl-Utl di Avellino Costantino Vassiliadis -”.
Alle ore 10.00 il corteo partira’ da Largo delle Autonomie Comunali di Priolo Gargallo (Siracusa) e arriverà per le ore 12.00 in Piazza dei Quattro Canti, dove il Segretario Generale, Giovanni Centrella, terrà il comizio. Come colonna sonora del 1° Maggio l’Ugl ha scelto la canzone “L’Italia”, cantata dal giovane Enrico Dedola, che racconta le bellezze dell’Italia di oggi con tutte le sue contraddizioni.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Macron reintroduce lockdown con chiusura fino al 1 dicembre

28 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel giorno in cui la Francia sfiora i 70 mila contagi in 24 ore, il presidente Emmanuel Macron si presenta in tv all’ora di cena e annuncia il lockdown a partire da venerdì. “Siamo sopraffati dall’accelerazione dell’epidemia” ammette.“I nostri ospedali saranno pieni, se non diamo un colpo mortale oggi i medici dovranno […]

[…]

Top News

Coronavirus, Arcuri “ospedali troppo affollati, più test e cure a casa”

28 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Meno ricoveri quando non sono necessari, più attrezzature per le terapie intensive, più capacità degli ospedali per i ricoveri con strutture provvisorie e ospedali da campo, come abbiamo già fatto durante la prima ondata. E si riprende il sistema di collaborazione tra le Regioni per trasferire i malati nei luoghi dove c’è […]

[…]