Mobilità e distretto conciario, ora servono risposte

“A valle di varie riunioni e sollecitazioni da parte dei lavoratori di tutta la provincia e della manifestazione alla Prefettura di Avellino del 22 Giugno ultimo scorso ma in particolare per le sollecitazioni venute dai lavoratori del Distretto Industriale Conciario Solofrano, la Filctem Cgil e la Cgil di Avellino si faranno promotori, interagendo con la neo eletta Presidente del Consiglio Regionale Campania Rosetta D’Amelio, per cercare di dare risposte vere e concrete senza creare ‘false aspe…

“A valle di varie riunioni e sollecitazioni da parte dei lavoratori di tutta la provincia e della manifestazione alla Prefettura di Avellino del 22 Giugno ultimo scorso ma in particolare per le sollecitazioni venute dai lavoratori del Distretto Industriale Conciario Solofrano, la Filctem Cgil e la Cgil di Avellino si faranno promotori, interagendo con la neo eletta Presidente del Consiglio Regionale Campania Rosetta D’Amelio, per cercare di dare risposte vere e concrete senza creare ‘false aspettative’ ai lavoratori”. Così Franco Fiordellisi della Filctem Cgil. La questione è quella del decreto interministeriale 83743 che esclude i lavoratori che hanno la mobilità in deroga al 2015 e che gli preclude la possibilità di ulteriore otto mesi di ammortizzatore sociale in deroga nè a percorsi di riqualificazione lavorativa. “Cercheremo, con un’interlocuzione Istituzionale regionale, di avviare reali politiche attive del lavoro e di riqualificazione, proprio dal Distretto Solofrano in quanto riteniamo possa ancora essere volano di Sviluppo, di occupazione, di lavoro. Se anche l’Amministrazione comunale, cominciasse a dare risposte vere, iniziando da un controllo del territorio per la salvaguardia delle aziende sane, è di oggi la notizia di altri blitz contro aziende illegali da parte dei Carabinieri ed Ispettorato, monitoraggio e ‘famoso’ censimento che aspettiamo da anni, ripresa di Apo Emas miseramente abbandonato dopo i tanti proclami dell’amministrazione e, non per ultima, la questione inquinamento da pce con le mancate risposte a cittadini ed aziende a distanza di oltre un anno e mezzo dalla scoperta dell’inquinamento della falda con l’assenza, vergognosa e colpevole, di risposte dall’ex assessore regionale. Intendiamo riannodare, ripartire per l’ennesima volta, da un discorso sul lavoro e su politiche industriali senza ‘stancarci’, ben consapevoli che servono anche risposte immediate alle esigenze minimale e quindi economiche di queste famiglie”.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, oltre un milione le vaccinazioni per gli over 80

4 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Al ministero della Salute si è svolta una riunione con il ministro, Roberto Speranza, il commissario straordinario all’emergenza Covid-19, generale Francesco Figliuolo, il capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, e i vertici di Istituto superiore di sanità, Consiglio superiore di sanità, Aifa e Agenas. Sono stati esaminati i numeri aggiornati della […]

[…]

Top News

Open Fiber, banda ultralarga in 4900 edifici scolastici italiani

4 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La rete con banda ultralarga integralmente in fibra ottica di Open Fiber ha raggiunto circa 4.900 edifici scolastici in tutta Italia. Il bilancio arriva a un anno dall’inizio del primo lockdown nazionale per l’epidemia da Covid-19. Una situazione che ha messo docenti e studenti di fronte all’impossibilità di recarsi fisicamente nelle scuole, […]

[…]

Top News

UPS, un progetto per un’equa distribuzione globale dei vaccini anticovid

4 Marzo 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – UPS, la UPS Foundation e UPS Healthcare si stanno attivando per supportare un programma di consegne equo e una supply chain globale sostenibile per i vaccini anti COVID-19. UPS, in collaborazione con COVAX, Gavi – the Vaccine Alliance e CARE, promuoverà inizialmente la consegna di 20 milioni di dosi in paesi che […]

[…]