Irisbus, Fismic delusa: “La fabbrica doveva riaprire prima”

“In un clima da imbarazzo generale si è consumata ieri al Mise, sotto la regia del Vice Ministro De Vincenti, l’ennesimo incontro per la vertenza Irisbus. Chi si aspettava dall’incontro una soluzione a breve è rimasto fortemente deluso”. Così, in una nota, la segreteria genarelde della Fismici di Avellino. “La Fismic con delega nazionale ha impresso alla riunione una vera svolta pragmatica ribadendo i ritardi del governo nella gestione della vertenza e rimarcando il netto rifiuto ad accettare l…

“In un clima da imbarazzo generale si è consumata ieri al Mise, sotto la regia del Vice Ministro De Vincenti, l’ennesimo incontro per la vertenza Irisbus. Chi si aspettava dall’incontro una soluzione a breve è rimasto fortemente deluso”. Così, in una nota, la segreteria genarelde della Fismici di Avellino. “La Fismic con delega nazionale ha impresso alla riunione una vera svolta pragmatica ribadendo i ritardi del governo nella gestione della vertenza e rimarcando il netto rifiuto ad accettare l’eventuale mobilità per il passaggio dei lavoratori.
L’intervento di Zaolino ha scatenato il putiferio, tantè che il Vice Ministro De Vincenti è stato costretto ad interrompere per due ore la riunione e tentare con la Fiat una mediazione per evitare il riavvio della procedura di mobilità, previsto per il 15 di aprile.
I nodi veri, evidenziati dalla Fismic, sono:
1) Ritardi nella costruzione della nuova società (Newco)
2) Il finanziamento di 300 milioni per il piano trasporti è palesemente insufficiente per ammodernare il parco autobus nazionale (20000 autobus da rottamare)
3) La fabbrica non riaprirà prima di 6-8 mesi.
Alla luce dei fatti sopra indicati, esprimere un giudizio deludente della riunione è ampiamente dimostrato e giustificato.
I lavoratori di Valle Ufita meritano più rispetto, alla pari di quelli della Elettrolux per i quali sono scesi in campo con successo 4 Governatori delle Regioni del nord ed hanno in pochi mesi trovato soluzioni occupazionali ed economiche. La differenza di trattamento tra nord e sud non può essere più accettata e per questo noi della Fismic continueremo ad evidenziare tutte le contraddizioni e la superficialità dei soggetti in campo che al capezzale di questo grande ammalato (Irisbus) non sono stati ancora in grado di guarirlo . Il 30 di aprile sarà l’ultima occasione per recuperare credibilità e pragmatismo perché altrimenti si potranno verificare problemi di ordine pubblico”, conclude la nota.

Ultimi Articoli

Attualità

Covid in Irpinia: 72 casi. 9 ad Avellino

26 Novembre 2021 0

‘Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.069 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 72 persone: – 2, residenti nel comune di Aiello del Sabato; – 4, residenti nel comune di Altavilla Irpina; – 2, residenti […]