Gruppo Ferrero, Fai Cisl: raggiunti importanti obiettivi

“Nonostante le nubi minacciose che si addensano sulla situazione irpina dopo la crisi che ha colpito uno dei simboli dell’industria metalmeccanica e quella complessiva del sistema Italia , la FAI Cisl non rallenta il suo impegno nell’attività negoziale, che si estrinseca nel rinnovo dei contratti integrativi nelle aziende del comparto agroalimentare, molti già realizzati e con l’ulteriore tassello particolarmente significativo, nel corso della notte di giovedi scorso, per i 6 mila lavoratori in Italia del gruppo FERRERO”.
Lo sottolinea il Segretario generale Augusto Cianfoni, che aggiunge: “Nonostante la crisi, abbiamo confermato la nostra capacità di remare controcorrente e di raggiungere importanti obiettivi di miglioramento delle condizioni dei lavoratori, in una strategia di sviluppo di un Gruppo, che ha raggiunto, con la valorizzazione della risorsa lavoro, incrementi molto significativi nello stesso fatturato”. “E’ la riprova- conclude Cianfoni – che la nostra paziente opera di mediazione, che si traduce nell’attività negoziale, è sempre capace, anche in condizioni particolarmente complesse, di sviluppare istituti e meccanismi per la migliore tutela dei lavoratori, anche sotto il profilo salariale, che hanno come assi di riferimento la crescita della produttività, la competitività aziendale, la responsabilità e l’attiva partecipazione”. E un buon risultato per l’irpinia che vede con un sistema di relazioni sindacale improntato sulla trasparenza dei ruoli adeguandolo al momento che viviamo, dando sicurezza di continuità al lavoro per gli addetti per il bene del territorio, lo afferma Raffaele Tangredi segretario FAI CISL Avellino.
Il segretario nazionale della FAI Cisl, Stefano Faiotto, che ha guidato la delegazione della Federazione nella trattativa, coadiuvato dai coordinatori nazionali Ermanno Bonaldo e Armando Savignano con la presenza di Raffaele Tangredi segretario Provinciale Fai CISL e di Carmine De Vito RSU CISL, richiama gli aspetti salienti del protocollo d’intesa, che riflette un modello moderno ed innovativo delle relazioni industriali, già saldamente sperimentato nel gruppo Ferrero. “La flessibilità negoziata – osserva – degli orari di lavoro per rispondere al meglio, sotto il profilo degli assetti produttivi ad un mercato estremamente esigente e competitivo; lo sviluppo della bilateralità anche attraverso la costituzione di gruppi di progetto e di commissioni tecniche; lo sviluppo della previdenza complementare e dell’assistenza integrativa sanitaria; un sistema integrato e di gestione per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro; la formazione permanente, con ben definiti percorsi didattici, per il miglioramento professionale delle risorse umane, patrimonio strategico del gruppo; l’attenzione alle pari opportunità e la possibilità di richiedere ulteriori sei mesi di esclusione dal turno notturno per le lavoratrici madri che abbiano figli superiori ai 3 anni di età; la stabilizzazione fino 200 unità, nel corso della vigenza dell’intesa (30 giugno 2011- 30 giugno 2014); di particolare interesse infine l’intesa che le Parti hanno messo in campo sul tema sicurezza sul lavoro attraverso una sperimentazione che si articolerà nei tre anni di vigenza contrattuale con un importante coinvolgimento dei lavoratori in una logica di sviluppo di una ‘cultura della sicurezza’”. Nel corposo testo del protocollo, oltre 70 pagine, merita anche l’attenzione alle famiglie dei lavoratori, con l’estensione, ad esempio delle visite pediatriche fino all’età di 14 anni, mentre l’azienda si propone di organizzare un servizio gratuito di ambulatorio medico-pediatrico; la possibilità, per far fronte ad emergenze di salute, di una seconda anticipazione del TFR ed alla indennità, nell’eventualità di decesso, fino a tre anni di retribuzione.
Ed inoltre la possibilità di stage all’estero per i figli di lavoratori che abbiano conseguito la laurea di primo livello ed il contributo a copertura delle tasse scolastiche per quelli che accedono al primo anno di università. Interessante, infine, il sistema di incentivazione, che si costruisce sui seguenti criteri: obiettivi quantitativi (fatturato) e qualitativi (indici di qualità), obiettivo di reso come fattore premiante. Tradotto, in sintesi, al raggiungimento degli obiettivi, 1825 euro per 2012; 1900 per il 2013 ed altrettanti per il 2014.
Nei prossimi giorni partirà il confronto con il personale del sito di San Angelo Dei Lombardi per la conferma della positività dell’accordo raggiunto.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino, il Bari scappa: devi solo vincere

27 Novembre 2021 0

E dopo che il Bari capolista non è scivolato sulla buccia di banana, regolando il Latina al San Nicola e portandosi a +12 sui Lupi, per l’Avellino quello che era già imperativo diventa inevitabilmente categorico: […]

Attualità

Covid in Irpinia: 39 positivi

27 Novembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che su 822 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 39 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 5, residenti nel comune di Ariano Irpino; – 6, residenti […]

Aiello del Sabato

Violazioni in materia di armi: denunciati padre e figlio

27 Novembre 2021 0

I Carabinieri della Stazione di Aiello del Sabato, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di armi e munizioni ai sensi del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, hanno […]

Attualità

Covid in Irpinia: 72 casi. 9 ad Avellino

26 Novembre 2021 0

‘Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.069 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 72 persone: – 2, residenti nel comune di Aiello del Sabato; – 4, residenti nel comune di Altavilla Irpina; – 2, residenti […]