Edilizia, D’Agostino (Ance): a Roma per fare richieste concrete

Stati Generali delle Costruzioni, domani a Roma anche la rappresentativa dell’associazione costruttori edili Avellino che condivide e aderisce alla manifestazione di portata nazionale. Il presidente di Ance Avellino, Angelo D’Agostino, spiega quali sono le richieste: “In questo momento non si tratta di chiedere nuove risorse, né di ottenere vantaggi e privilegi per la categoria. L’unica cosa che il settore chiede è di vedersi restituita la priorità che gli compete, in quanto elemento imprescindibile per lo sviluppo e per la crescita della nostra provincia e del Paese intero. Occorre ripristinare il corretto funzionamento del mercato per consentire alle imprese di fare impresa, ai lavoratori di lavorare”. Viene inoltre richiesta chiarezza sui pagamenti alle imprese a lavori eseguiti, D’Agostino spiega: “Un adempimento contrattuale naturale, che invece ha visto le imprese nella condizione di dover eseguire dei lavori e dover attendere anche 24 mesi per il pagamento. Le imprese sono stanche di doversi indebitare e fallire, per evitare che a fallire siano le pubbliche amministrazioni”. Saranno richieste anche delle regole semplici e di intensificare i controlli.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino concentrato con le ‘piccole’ per la rincorsa

8 Dicembre 2021 0

di Dino Manganiello Adesso è necessario capovolgere quanto fatto finora. Perché dopo aver sottolineato le buonissime prestazioni dell’Avellino contro le migliori dell’attuale classifica, c’è da ricordare, anche se è doloroso, che i biancoverdi hanno perso […]

Cultura ed Eventi

Esiste l’inquilino sicuro: ecco chi è

8 Dicembre 2021 0

Esiste l’inquilino sicuro? Ossia quell’inquilino che non crea problemi di morosità e che garantisce nella massima serenità la rendita di un immobile?Gianluca Russo, Ceo di Solo Affitti Avellino ci ha spiegato come funziona la politica del marchio Solo Affitti , […]

Attualità

A Summonte melodia antistress grazie a tiglio secolare

7 Dicembre 2021 0

Ha più di 240 anni ed è censito nello speciale elenco degli alberi monumentali d’Italia. Oltre a rappresentare da sempre uno straordinario valore estetico e paesaggistico. Ma ora diventa anche strumento “terapeutico”. Si tratta del […]