Concia, “Lineapelle” pronta a traslocare da Bologna a Milano

Conciatori in fuga da “Lineapelle” l’appuntamento fieristico destinato al mondo della pelle. Alla base della presa di distanza: le richieste arrivate dagli operatori del settore ed anche dai conciatori campani e solofrani rispetto alle date dell’appuntamento. A quanto pare i conciatori starebbero da tempo manifestando la necessità di anticipare le date della fiera sia per proporre ai loro clienti, griffe e manifatturieri, i campionari in anticipo e sia per avere a sostegno la possibilità di incontri stilistici in una sede più ampia rispetto a Bologna e facilmente raggiungibile. Da qui dunque la necessità di calendari più flessibili. Le ragioni che stanno portando i conciatori a richiedere di spostare “Lineapelle” e a pensare di lasciare Bologna per Milano sono diverse. Un grande peso è dato dalla concomitanza della rassegna con altre Fiere concorrenti, cosa già avvenuta diverse volte per cui non si è avuta possibilità di spostamento così come richiesto dal mercato. Alcuni imprenditori lamentano lo scarso sostegno di Bologna in un momento di crisi sia per quanto riguarda la mobilità, sia per quanto riguarda i costi elevatissimi della ricezione alberghiera e della ristorazione. Pertanto è forte la convinzione dei conciatori che per avere risposte in linea con le esigenze del settore e della moda, bisogna spingere perché Lineapelle si collochi a Milano, città attualmente in grado di soddisfare dinamiche fieristiche più attuali.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Sala “E’ arrivata la terza ondata, serve responsabilità”

27 Febbraio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “La terza ondata pandemica è arrivata spinta dalla variante inglese. Era prevista ed è successo. Esiste una chiara prevedibilità nei trend di contagio e alcuni nostri comportamenti l’hanno favorita: gli assembramenti fuori allo Stadio di San Siro e i Navigli, diventati set ideale per catturare un’immagine di gente assembrata. A volte il […]

[…]

Top News

La pandemia impoverisce gli italiani, -1.650 euro a famiglia

27 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La pandemia impoverisce gli italiani. Ad un anno dallo scoppio della crisi pandemica, alle famiglie italiane sono venuti a mancare in media, e nonostante i numerosi ristori, 1.650 euro di redditi. E le prospettive di recupero sono lente e dipendenti dagli esiti della campagna vaccinale, attualmente in ritardo sugli obiettivi fissati: continuando […]

[…]

Top News

Fortuna (Mineracqua) “Acque di qualità, export fiore all’occhiello”

27 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il consumo di acqua minerale complessivo è di 15 miliardi e mezzo di litri, di questi 14 vengono consumati in Italia, mentre 1 miliardo e mezzo viene esportato. Un export, tra l’altro, che per noi è un fiore all’occhiello perchè ci dà un saldo commerciale attivo per 600 milioni di euro. Questo […]

[…]

Top News

Bertolaso “Una dose di vaccino a tutti, le sole chiusure non bastano”

27 Febbraio 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Le nuove chiusure “sono misure giuste, servono a limitare la diffusione del virus. Ma il vaccino è un’arma che fino a pochi mesi fa non avevamo”, un’arma “purtroppo ancora in quantità scarsa. Bisogna usarla meglio”. Lo dice Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile e oggi coordinatore della campagna vaccinale lombarda, in […]

[…]

Top News

G20, Visco “Attendiamo buone notizie ma crisi non è finita”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La situazione economica e finanziaria, dovrà essere supportata dalla crescita. Ci attendiamo buone notizie dallo sviluppo economico, bisogna essere cauti prima di andare avanti. Non abbiamo parlato di uscita dalla crisi, ma siamo concentrati sulle policy di supporto”. Così Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, in conferenza stampa al termine della riunione […]

[…]

Top News

G20, Franco “Ripresa fragile e iniqua”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Le condizioni dell’economia e della salute restano difficili. Dobbiamo monitorare la situazione e aumentare gli sforzi. I ministri e i governatori delle banche centrali, hanno riaffermato l’impegno ad aumentare il coordinamento internazionale. Ci siamo concentrati su alcune priorità. La ripresa è fragile e iniqua. Ministri e governatori hanno concordato la necessità di […]

[…]