Come prendere in prestito denaro e ripagarlo in 30 giorni

Senza molti dubbi, una delle migliori formule attualmente esistenti per prendere in prestito denaro e ripagarlo in 30 giorni (lån penge betal om 30 dage), è propriamente fornita da quello che, molto comunemente, è chiamato mini prestito al consumo.

Comunque, in materia di finanziamenti e sulle modalità che regolano il prestito di denaro, è sempre meglio attenersi a quanto è previsto dall’ordinamento giuridico italiano. Di fatti, una delle formule per le quali è possibile prendere in prestito denaro e ripagarlo in 30 giorni, è quella nota come prestito tra privati.

Il prestare denaro ad amici e a parenti, specialmente cifre basse, è storicamente provato che avvenga, e il più delle volte, senza forme specifiche e senza cautele. Tuttavia, è doveroso rammentare che la formula del prestito tra privati, particolarmente utile per prendere in prestito denaro e ripagarlo in 30 giorni, per soddisfare quello che potrebbe essere inteso come mini prestito al consumo, deve rispondere a determinate formule.

Infatti, seppure sia lecito e legale, il prestito tra privati, almeno in Italia, può avvenire esclusivamente non in forma sistematica, ossia non può essere assolutamente un qualcosa di imprenditoriale, una attività che è riservata esclusivamente a banche e a finanziarie autorizzate. Quindi, in parole semplici, se è possibile imprestare denaro tanto ad un amico quanto ad un parente, questo dovrà avvenire in forma saltuaria.

A tal proposito, poi, è anche opportuno affrontare la questione inerente gli interessi, ossia se questi debbono essere dovuti nel caso si opti per un prestito tra privati per prendere in prestito denaro e ripagarlo in 30 giorni. La questione lascia ampi margini di scelta. Di fatti, tra le parti ci si potrà, anche, accordare che il prestito non preveda che si gravato di alcun interesse. In questo caso, si potrà tecnicamente parlare di mutuo infruttifero, ossia a titolo gratuito.

In caso contrario, il pagamento dei relativi interessi dovrà avvenire sulla base di quanto stabilito dalla Legge e annualmente aggiornato dal ministero. Se ciò fosse concordato, allora si andrà a parlare di mutuo fruttifero, ovvero a titolo oneroso. È, poi, da rammentare che un eventuale prestito tra privati, potrà essere anche formalizzato semplicemente tramite una scrittura privata, senza, perciò, che serva necessariamente un atto notarile. Anche la registrazione non è necessaria.

Questa, potrebbe, tuttavia, risultare essere particolarmente utile al fine di stabilire la cosiddetta data certa, cioè il momento nel quale il prestito è avvenuto.

Quindi, in conclusione, quando si tratta di analizzare le varie formule per cui è possibile prendere in prestito denaro e ripagarlo in 30 giorni, ossia per soddisfare quello che generalmente è anche chiamato mini prestito al consumo (mini forbrugslån), è suggerito fare sempre riferimento a quanto predisposto dalle legge italiana.

Ultimi Articoli

Top News

Zanardi trasferito dal San Raffaele all’ospedale di Padova

21 Novembre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – Alex Zanardi è stato trasferito presso l’ospedale di Padova. Lo ha reso noto l’Ospedale San Raffaele di Milano dove era ricoverato dal 24 luglio scorso. “Il paziente ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche […]

[…]

Top News

Il Golden Boy 2020 di Tuttosport al norvegese Erling Haaland

21 Novembre 2020 0
TORINO (ITALPRESS) – Il Golden Boy 2020 a una macchina da gol. Erling Haaland, bomber norvegese del Borussia Dortmund, è il vincitore del concorso internazionale di Tuttosport che ogni autunno premia il miglior Under 21 dell’anno tesserato per un club europeo della massima divisione. Un anno da incorniciare per il ragazzo esploso nel Salisburgo e […]

[…]

Top News

Cdm, via libera al dl Ristori ter da 2 miliardi

21 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Salgono da 1,4 a circa 2 miliardi le risorse a disposizione per il rafforzamento del Decreto Ristori che il governo ha varato nella notte. Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’economia e delle finanze Roberto Gualtieri, ha approvato un decreto-legge (Decreto Ristori ter) che introduce […]

[…]