Appalti Comune di Avellino, Filca Cisl: “Respiro per l’edilizia”

AVELLINO – “Apprendiamo positivamente che si sono definite le procedure di appalto di alcune importanti opere del Comune di Avellino relative ai fondi Europa piu, assegnate dall’esito della gara prevalentemente a ditte locali, tra l’altro la più consistente che riguarda il Tunnel aggiudicata all’impresa D’Agostino Angelo Antonio con il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa; questa è una doppia garanzia: per il ribasso del 33% che è più affidabile per la qualità e rispetto delle leggi e regole contrattuali, l’altra riguarda la serietà che riconosciamo all’imprenditore, anche nella funzione di Presidente dei Costruttori Irpini”. E’ quanto afferma Mennato Magnolia, segretario provinciale Filca Cisl Avellino.
Esprimiamo qualche perplessità a riguardo delle gare realizzate con il sistema del massimo ribasso, in particolare quella del Mercatone dove è stata aggiudicata con un ribasso particolarmente elevato (59%) e che crediamo diventerà molto problematico per portare a temine i lavori. Ovviamente, come Organizzazione anche dal nostro versante vigileremo attentamente che tutte le regole del rispetto dei Contratti di Lavoro della legalità e della sicurezza vengano applicate, ed in tutti i cantieri di Europa Piu.
Come Filca Cisl rimane comunque la soddisfazione, essendo la prima grande opera che si avvia in Provincia di Avellino dopo il blocco degli ultimi tre/quattro anni, e che ha prodotto una crisi profonda del settore causando la perdita di oltre 5000 posti di lavoro e la chiusura di circa 350 imprese. Quindi è di buon auspicio per dare un minimo di ossigeno al settore e risalire la china. In questa direzione, tanto altro può essere fatto, soprattutto se si accelerano le procedure per aprire i cantieri di tante altre grandi opere, a partire dalla Lioni-Grottaminarda con i circa 300 milioni di euro messi a disposizione dalle delibere Cipe, insieme alla Paolise Pianodardine inserite nel programma di infrastrutture dei tavoli tecnici del Patto per l’Irpinia, di cui la Cisl insieme ed altri interlocutori sociali stanno portando avanti. Altre ancora per esempio, attengono alla viabilità di competenza dell’Anas, come la variante di Grottaminarda, la Tre Torri – La Manna ed ancora la Pavoncelli Bis.
Queste grandi opere – conclude Magnolia – se avviate,già il 2012, potrebbero segnare l’avvio di una nuova stagione di sviluppo del settore delle costruzioni in provincia di Avellino e dell’intera economia Irpina”.

Ultimi Articoli