Casina del Principe, la solita musica

I Vigili Urbani di Avellino avrebbero (il condizionale è d’obbligo in assenza di comunicazioni ufficiali) interrotto un concerto organizzato all’interno della Casina del Principe dall’Associazione Avionica, provvedendo anche a denunciare all’autorità giudiziaria i responsabili dell’evento. Sulla rete circolano anche delle fotografie che testimoniano il degrado nel quale versa il monumento (tale è, ricordiamolo sempre) di corso Umberto; fotografie che secondo alcuni provano il cattivo uso del luogo da parte dell’associazione, mentre secondo i ragazzi di Avionica sono relative a una parte dell’immobile che è di esclusiva gestione comunale.
E’ evidente che se nella Casina del Principe si è tenuto un concerto in barba a tutte le norme anticovid, chi lo ha organizzato dovrà dare conto alla giustizia e alla stessa Amministrazione Comunale. Più complesso è il problema relativo alla condizione e all’uso che da tempo si fa della Casina del Principe e di tutti i cosiddetti luoghi della cultura avellinese: Victor Hugo, Villa Amendola, Eliseo (se e quando sarà inaugurato). Alla incapacità di garantire persino una ordinaria manutenzione per edifici storici che versano nel degrado, si unisce l’assenza di idee e progetti strutturali. E così tutto si risolve sempre nella inaugurazione di qualche mostra, alla quale segue la concessione di stanze, aule, interi piani in favore di associazioni, a titolo quasi sempre gratuito. Ma l’associazione persegue legittimamente fini propri ancorché lodevoli sul piano sociale, non si sostituisce al Comune che da sempre non ha una politica culturale da portare avanti, e che finisce per confondere la cultura con lo spettacolo. Sarebbe ora che questi luoghi iniziassero a essere considerati per quello che sono: pezzi di storia cittadina che va innanzitutto conosciuta e valorizzata. Nella Casa della Cultura ha vissuto Victor Hugo, possibile che nessuno abbia mai pensato di promuovere una visita guidata nell’edificio per gli studenti avellinesi? Villa Amendola conserva uno dei maggiori esempi di vegetazione, studiati da diversi studenti delle facoltà di agraria e botanica: a nessuno è venuto in mente di avviare un dialogo con qualche ateneo? Sull’Eliseo infine avanza il sospetto che la sua apertura sia ogni volta ritardata anche perché in fondo nessuno sa che farci lì dentro, e che siano anche finite le associazioni, i comitati, ai quali affidare qualunque cosa.
Sfrattare un’associazione e sostituirla con un’altra non risolve il problema che ad Avellino esiste da tempo: i luoghi , le case non mancano. La cultura evidentemente sì.

Ultimi Articoli

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]

Top News

Letta “Il voto rilancia il Pd e rafforza il Governo”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il Pd oggi è rilanciato, vince ovunque queste elezioni”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, dalla sede del Nazareno, commentando i risultati dei ballottaggi.“Ho sempre imparato che la cosa più importante è ascoltare gli elettori e gli elettori sono più avanti di noi, perchè si sono saldati e hanno […]

[…]

Attualità

Furbetti all’Asl di Avellino, 27 condanne

18 Ottobre 2021 0

Ventisette condanne e sei assoluzioni nel processo di primo grado nei confronti di 33 dipendenti ed ex dipendenti della Asl di Avellino accusati di assentarsi dal lavoro dopo aver “strisciato” il badge. Il giudice monocratico, […]

Top News

Covid, 1.597 nuovi casi e 44 decessi in 24 ore

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Secondo il bollettino del ministero della Salute, i nuovi positivi sono 1.597 (rispetto ai 2.437 del 17 ottobre). I tamponi processati sono 219.878 che portano il tasso di positività a 0,73%. Oggi si registrano 44 decessi (ieri erano 24). I guariti sono 2.756 mentre per gli attualmente positivi si registra un decremento […]

[…]

Top News

Lo Russo nuovo sindaco di Torino “Risultato entusiasmante”

18 Ottobre 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Stefano Lo Russo è il nuovo sindaco di Torino. Al ballottaggio per le comunali il candidato del centrosinistra è in testa con il 59,2 dei voti (proiezione Opinio Rai) mentre Paolo Damilano (centrodestra) si ferma al 40,8. “Il risultato è entusiasmante, va oltre le aspettative, e ci responsabilizza” commenta Lo Russo. “Ringrazio […]

[…]