Vallo di Lauro, situazione incandescente: l’appello di Libera

“La politica riaccenda i riflettori sul Vallo di Lauro prima che sia troppo. Non è più solo un caso relegabile al controllo del territorio e alle attività di indagine penale, per la verità non è lo mai stato nonostante per alcuni anni – fino a non troppo tempo fa – si sia parlato di Primavera del Vallo. Su questo martoriato lembo della provincia di Avellino è quasi scomparsa l’attenzione della politica ed oggi più che mai occorebbe fare del Vallo di Lauro una questione prioritaria a tutti i livelli”. Parla Emilia Noviello, referente in Irpinia dell’associazione anti camora Libera. La tensione è da tempo salita: negli ultimi due anni si sono ripetuti con frequenza allarmante attentati e intimidazioni ai danni di amministratori locali e imprenditori, ma dopo l’agguato dell’altro giorno a Pago, nel Vallo è tornata la paura.

SPOT