Un irpino è in coma a Barcellona: forza Fabio, non mollare

Per due giorni non si erano avute sue notizie. Da oltre un anno Fabio Trodella ha aperto un bellissimo locale a Barcellona.

Originario di Lapio ma conosciutissimo ad Avellino e in tutta la provincia, da dieci giorni era stato raggiunto pure dai suoi genitori per darli una mano alla “Bottega di Lapio“, in Carrera de Torrijos, quartiere Gracia, zona centrale a poca distanza dalle Ramblas. Con tanti turisti in città, c’era bisogno di un aiuto concreto.

L’altro giorno, i genitori lo aspettavano, per la prepararazione serale del locale in attesa dei clienti. Un’ora di ritardo, poi hanno cominciato a telefonargli ma il cellulare di Fabio squillava a vuoto. Proprio in quei momenti si era diffusa la notizia dell’attentato alla Rambla nei pressi di Plaza de la Repubblica.

Momenti di ansia e preoccupazione da parte di mamma e papà Trodella che, da pochi giorni a Barcellona, hanno allertato i collaboratori e gli amici di Fabio.

Scherzi del destino: il ragazzo di Lapio è sfuggito all’attentato, in quanto non si trovava sulla Rambla quando il furgone ha compiuto la strage.

Si è poi saputo che era rimasto vittima di un incidente stradale con il suo scooter.

In seguito alle attivissime ricerche degli amici, che hanno fatto il giro degli ospedali, è stato possibile rintracciare Fabio Trodella che versa in gravissime condizioni, al momento è in coma farmacologico.

La comunità irpina di Barcellona, assai numerosa, prega per Fabio così come gli amici di Lapio e tutti quelli che hanno conosciuto questo ragazzo solare, allegro, sincero, con la passione del vino, legatissimo alla sua terra tanto da avere dato il nome al suo locale come quello delpaese di origine.

Sul profilo Facebook del giovane di Lapio, intanto, stanno affluendo decine di messaggi, tutti con la stessa frase: “Forza Fabio, non mollare”.

Nelle foto: mamma e papà Trodella e poi Fabio dinanzi al locale

 

3

 

Ultimi Articoli

Top News

Mattarella “Giornalismo contribuisca alla rinascita del Paese”

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Desidero esprimere i miei auguri per il 19 aprile della Gazzetta di Parma. Questa data – quella della copia più antica della Gazzetta – risale al 1735. Un anno che precede di oltre un secolo l’unità d’Italia e che ci dà la percezione di quanti cambi d’epoca le successive redazioni della Gazzetta […]

[…]

Top News

Colapesce e Dimartino, “Musica leggerissima” è doppio platino

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Musica leggerissima” conquista, primo tra i brani sanremesi, il Doppio Disco Di Platino. Per celebrare la certificazione, Colapesce e Dimartino pubblicano una straordinaria collaborazione internazionale con il producer e dj italo/francese Cerrone che ha realizzato una versione inedita del brano “Musica leggerissima”. Un remix tutto da ballare, prodotto da una vera e […]

[…]

Top News

Coronavirus, 8.864 nuovi casi e 316 decessi in 24 ore

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 8.864 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 21.315) a fronte di 146.728 tamponi effettuati, determinando un tasso di positività del 6,04%. E’ quanto riporta il bollettino del ministero della Salute. I decessi sono stati 316 nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 251 registrati ieri.I guariti sono 13.134 […]

[…]

Top News

Conferenza sul futuro dell’Europa, al via piattaforma digitale

19 Aprile 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Il comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell’Europa, che comprende rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio dell’Unione europea e della Commissione europea, inaugura la piattaforma multilingue digitale per la Conferenza sul futuro dell’Europa, invitando tutti i cittadini dell’UE a contribuirvi per dar forma al loro futuro e a quello di tutta […]

[…]

Top News

Covid, Salvini “Date riaperture? Aspetto parere scienza”

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La data delle riaperture? “Aspetto che la scienza dia il suo parere, non le decide Salvini, nè è la Lega che ha vinto. Semplicemente noi chiediamo quel che chiedono gli imprenditori ma anche tanti medici, perchè la chiusura ad oltranza fa danni sanitari, psichici ma anche psichiatrici difficilmente rimediabili. Se ci sono […]

[…]