Raid contro gli amministratori pubblici, l’Irpinia entra nei “territori più bersagliati”

Record di attentati intimidatori ai danni degli amministratori pubblici per la provincia di Avellino che per la prima volta di affaccia “nella lista dei territorio più bersagliati”. Emerge dalla la settima edizione del Rapporto “Amministratori sotto tiro” che è stato presentato oggi, a Roma, nella prestigiosa sala Walter Tobagi della Federazione nazionale della stampa italiana. Sono 537 gli atti intimidatori, di minaccia e violenza nei confronti degli amministratori locali censiti da Avviso Pubblico nel 2017, uno ogni 16 ore. ” La Campania – si legge nel dossier –  è la regione maggiormente “sotto tiro” dell’intero panorama nazionale, con 86 atti di intimidazione e minaccia censiti nel corso del 2017, facendo registrare un aumento del 34% rispetto all’anno precedente. Ad
influire in maniera determinante al raggiungimento di questo spiacevole record sono le province di Napoli (34 casi) e Avellino (22), che assieme raccolgono i due terzi delle intimidazioni regionali. Ma le due situazioni appaiono diverse”. Napoli è costantemente tra le pri me posizioni delle province più colpite negli annuali report
di Avviso Pubblico, anche per la presenza certificata e radicata sul territorio di diverse forma di criminalità, più o meno organizzata. Avellino invece è una provincia che nel 2017 si affaccia per la prima volta nella black list.
“Situazione da decifrare quella provincia di Avellino – si legge ancora nel rapoorto – dove si è registrata una
clamorosa impennata di atti intimidatori nei confronti delle amministrazioni locali, triplicate dal 2016. Se alcuni atti reiterati, come a Montoro, vedono protagoniste persone le cui condizioni economiche hanno provocato rabbia e disperazione da scagliare contro l’amministratore locale, altri casi hanno una matrice meno chiara. Particolarmente tesa la situazione a Monteforte Irpino, che ha fatto registrare ben 9
atti intimidatori in due mesi rivolti al Sindaco Costantino Giordano, ad una consigliera e al Presidente del Consiglio comunale. Tensioni reiterate ad Avellino, che hanno visto finire nel mirino il Sindaco Foti e il Comandante della Polizia Locale, relativamente all’assegnazione di alcuni appalti. A Sirignano, nel corso della
campagna elettorale, il consigliere regionale Enzo Alaia, mentre si trovava a far visita a un conoscente, è stato bloccato e pesantemente minacciato da un gruppo di circa 30 persone.

Ultimi Articoli

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]