Processo al clan Pagnozzi di Cervinara: due assoluzioni

Si è concluso  con una duplice assoluzione il processo a carico di Paolo  Pagnozzi e Pietro Cioffi. Per i due l’accusa di  violenza privata aggravata dal metodo mafioso ai danni di un noto imprenditore operante  a Cervinara.

L’Ufficio della Direzione Distrettuale Antimafia  aveva chiesto per entrambi gli accusati  la condanna ad  anni 2 e  mesi 6 di reclusione.

Viceversa, il Tribunale collegiale di Avellino – presieduto dal  dott. Melone – , ha assolto entrambi gli imputati dal reato a loro ascritto.

Sono state accolte le tesi  del collegio difensivo, composto dagli avvocati Dario Vannetiello, Francesco Perone e Valeria Verrusio.

I FATTI

La vicenda risale al all’anno 2013. Il Cioffi, su asserito mandato di Pagnozzi Paolo, avrebbe esercitato forti pressioni su un imprenditore caudino per ottenere il licenziamento di una sua dipendente.

La donna, alcuni mesi prima, aveva  denunziato  per  usura ed estorsione lo storico boss ora deceduto Pagnozzi Gennaro, soprannominato “ò Giaguaro”.

Tali accuse avevano poi portato al suo arresto.

LE ACCUSE

L’imprenditore  aveva pure dichiarato agli inquirenti di aver registrato una serie di atti intimidatori all’interno dell’azienda, tra i quali, addirittura l’incendio delle autovetture di alcuni suoi operai.

Da qui anche la contestazione della aggravante di avere commesso i fatti con metodo mafioso. Comunque,  per favorire l’associazione camorristica clan Pagnozzi, gruppo che, secondo gli inquirenti, è tuttora operante a cavallo delle province di Avellino, Benevento e Caserta,  con diramazioni oramai che hanno raggiunto anche la capitale.

CAMORRA CAPITALE

L’allungamento dei tentacoli della piovra  caudina nella ciottà di Roma  è   emerso nella nota inchiesta denominata “camorra capitale”. In merito a ciò, di recente la Corte di Appello di  Roma ha confermato la condanna ad anni 30 di reclusione a Pagnozzi Domenico, soprannominato “ o professore”.

Una decisione questa che però  attende il definitivo vaglio della Suprema Corte di Cassazione la quale sarà  chiamata a valutare  un imponete  ricorso a firma dell’avvocato Dario Vannetiello.

Ultimi Articoli

Senza categoria

Catania Avellino 2-2. Lupi belli a metà

20 Ottobre 2021 0

Settimo pareggio in stagione per la squadra di Piero Braglia che pareggia al Massimino di Catania 2-2. E dopo 20 anni porta punti a casa da questa trasferta (l’ultimo pareggio nel 2001, l’ultima vittoria risale addirittura al […]

Top News

Atalanta rimontata all’Old Trafford, CR7 condanna la Dea

20 Ottobre 2021 0
MANCHESTER (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Non basta all’Atalanta un doppio vantaggio iniziale per avere la meglio sul Manchester United. All’Old Trafford sono Ronaldo e compagni a passare in rimonta per 3-2 al termine di una sfida emozionante. I bergamaschi partono bene e passano al 15′. Ilicic serve Zappacosta sulla destra che mette in mezzo un rasoterra […]

[…]

Top News

La Juve vince anche in Russia, Kulusevski stende lo Zenit

20 Ottobre 2021 0
SAN PIETROBURGO (RUSSIA) (ITALPRESS) – Tre ottimi punti quelli ottenuti dalla Juventus a San Pietroburgo grazie all’1-0 nella terza giornata del Gruppo H di Champions League. Quella contro lo Zenit si è confermata ancora una volta una sfida difficile e avara di gol così com’era già successo nel doppio confronto della stagione 2008-2009 quando i […]

[…]

Top News

Vaccino, Speranza “Valuteremo terza dose su evidenzia scientifica”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La terza dose è stata autorizzata per gli immunocompromessi, in questo caso non si tratta di un richiamo ma di un completamento di vaccinazione primaria. Le altre categorie sono gli ultra 80enni, gli ospiti delle Rsa e i fragili di ogni età. L’evidenza scientifica ci porterà a valutare la terza dose anche […]

[…]

Ariano Irpino

Ariano Irpino, giovane precipita dal ponte della panoramica

20 Ottobre 2021 0

Un giovane di 31 anni è morto ad Ariano Irpino precipitando da un viadotto in via Maddalena. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Ariano Irpino. La salma, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stata portata […]