Mazzette per pilotare sentenze tributarie: le condanne

Si è concluso il processo per il primo filone dell’inchiesta denominata “Ground Zero” che portò alla luce un giro di mazzette per «correggere» le sentenze di primo grado, presso la commissione tributaria di Salerno con il coinvolgimento di giudici compiacenti, funzionari corrotti ed imprenditori.

Ci sarà poi un altro processo per il quale sono coinvolti altri personaggi irpini, come l’ex giudice tributario Antonio Mauriello e il produttore televisivo Casimiro Lieto, finiti in manette nel successivo filone dell’inchiesta, conclusasi ad ottobre dello scorso anno.

LEGGI PURE – Arrestato il giudice tributario Antonio Mauriello

Prima fase

Esattamente un anno fa (era il 15 maggio del 2019) i finanzieri del Nucleo di polizia economica, coordinati dal sostituto procuratore Guarino, eseguirono le ordinanze restrittive (a carico di due giudici, due impiegati, sei imprenditori e quattro consulenti) emesse dal gip Piero Indinnimeo.

Secondo quanto emerso dalle indagini, difatti, l’ipotesi contestata era quello di un presunto giro di mazzette per corregge le sentenze della commissione tributaria. E precisamente, al centro della prima inchiesta (pochi mesi dopo ci fu una nuova ondata di arresti) c’erano dieci cause tributarie per un valore d’imposta di quindici milioni di euro.

Ad incastrare tutti, anche i video che testimoniavano il passaggio di buste, contenenti denaro, tra imprenditori, consulenti e impiegati oltre che una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali.

Le condanne

Il gup Gennaro Mastrangelo ha emesso le condanne (per la prima fase) che risultano per tutti ancora più «importanti» visto che c’è uno sconto di pena per il rito alternativo (abbreviato o patteggiamento).

Quattro anni e sei mesi di reclusione per l’imprenditore Alfonso De Vivo, per il quale c’era stata la richiesta di assoluzione del pm

Assolto Franco Spanò, il figlio del giudice per il quale il padre avrebbe chiesto un posto di lavoro presso un’azienda «cliente» della sua commissione.

Sei anni, tre mesi e tre giorni per il giudice Fernando Spanò.

Quattro anni ed otto mesi per il giudice Giuseppe De Camillis.

3

Cinque anni, sei mesi e venti giorni per Salvatore Sammartino, uno dei segretari, cinque anni quattro mesi e venti giorni per il collega Giuseppe Naimoli.

Un anno, nove mesi e dieci giorni (pena sospesa) per l’imprenditore Antonio D’Ambrosi.

Quattro anni e due mesi per l’ex parlamentare Teodoro Tascone, 78 anni, originario di Baiano ma residente a Pontecagnano.

Per Vincenzo Castellano, commercialista di Ariano Irpino, inizierà a breve il processo con il rito ordinario, in calendario lo scorso 12 febbraio e poi rinviato.

Successivamente sarà svolto il processo per il secondo filone dell’indagine relativa all’azione di giudici tributari, per l’inchiesta dell’ottobre 2019.

Nonostante il primo blitz, che ha portato all’emissione di queste condanne, l’attività era proseguita come se niente fosse accaduto…

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, 8.864 nuovi casi e 316 decessi in 24 ore

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 8.864 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 21.315) a fronte di 146.728 tamponi effettuati, determinando un tasso di positività del 6,04%. E’ quanto riporta il bollettino del ministero della Salute. I decessi sono stati 316 nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 251 registrati ieri.I guariti sono 13.134 […]

[…]

Top News

Conferenza sul futuro dell’Europa, al via piattaforma digitale

19 Aprile 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Il comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell’Europa, che comprende rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio dell’Unione europea e della Commissione europea, inaugura la piattaforma multilingue digitale per la Conferenza sul futuro dell’Europa, invitando tutti i cittadini dell’UE a contribuirvi per dar forma al loro futuro e a quello di tutta […]

[…]

Top News

Covid, Salvini “Date riaperture? Aspetto parere scienza”

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La data delle riaperture? “Aspetto che la scienza dia il suo parere, non le decide Salvini, nè è la Lega che ha vinto. Semplicemente noi chiediamo quel che chiedono gli imprenditori ma anche tanti medici, perchè la chiusura ad oltranza fa danni sanitari, psichici ma anche psichiatrici difficilmente rimediabili. Se ci sono […]

[…]

Top News

Superlega, Draghi “Preservare la funzione sociale del calcio”

19 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il Governo segue con attenzione il dibattito intorno progetto della Superlega calcio e sostiene con determinazione le posizioni delle autorità calcistiche italiane ed europee per preservare le competizioni nazionali, i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport”. Lo afferma in una nota il presidente del Consiglio, Mario Draghi.(ITALPRESS).

[…]