La strage silenziosa della fabbrica maledetta: è morto Franchitiello e sono 30

Facevano la corsa per andare a lavorare all’Isochimica, si facevano raccomandare da amici e politici, arrivavano al cospetto di Elio Graziano – all’epoca il grande capo, l’uomo buono, il magnanimo – e lo ossequiavano per ottenere il “posto”.

Non sapevano che sarebbero andati incontro alla morte.

Tra i 330 dipendenti dell’Isochimica, tantissimi si sono ammalati, soprattutto gli “scoibentatori“, gli addetti alla rimozione delle parti interne delle carrozze ferroviarie.

Rimuovevano quei pannelli in amianto e respiravano il veleno che avrebbe provocato loro malattie gravi, fino alla morte.

I sindacati? Sapevano ma non dicevano. Perchè inimicarsi il padrone?

“Zio” Elio aveva metodi semplici e concreti per fare andare avanti la fabbrica a pieno regime, per gestire la controparte e non avere rotture di scatole da parte dei sindacati, dei rappresentanti di fabbrica.

Erano tutti amici, ognuno con un proprio tornaconto, dai responsabili della sicurezza interna ai dirigenti delle Ferrovie dello Stato.

E gli operai andavano a morire.

La trentesima vittima è Francesco D’Amato, aveva 77 anni e da tempo lottava contro l’inesorabile male che – prima di lui – aveva portato alla tomba altri colleghi, mentre moltissimi soffrono maledettamente.

Lo chiamavano affettuosamente «Franchitiello» perchè era l’amico di tutti. Sempre pronto ad essere dalla parte degli operai, a fare sentire la sua voce rispetto alle esigenze e alle necessità dei colleghi.

«Franchitiello» era tra i pochi a tenere testa ad Elio Graziano.

Rispetto ai tantissimi leccapiedi dal tornaconto assicurato, Franchitiello faceva sentire la sua voce all’imprenditore spregiudicato nei cui confronti si inchinavano dirigenti e politici, sindacalisti e opinionisti.

Ci sarebbe da scrivere una enciclopedia – più che un libro – per raccontare gli anni dello splendore apparente dell’imprenditore definito il “re del tessuto non tessuto”, per ricordare i nomi dei suoi fedelissimi leccapiedi, quelli che idolatravano “zio Elio”, in alto su tutti, a comandare i giochi.

Poi era finito in malora, arrestato e processato, abbandonato da tutti. I primi a dileguarsi proprio quelli che erano stati beneficiati da “zio Elio”, destinatari di pacchetti da centomila lire e regali di vario genere.

Elio Graziano, che era stato pure il presidente dell’Avellino calcio, è morto in un ospizio, povero e senza amici.

Ora ci sono i processi, le richieste di risarcimento, le polemiche, soprattutto i ricordi. Non ci sono colpevoli, ufficialmente.

Ma tutti erano colpevoli: vedevano, sapevano ma stavano zitti. Per quelle centomila lire che “zio” Elio distribuiva come fossero coriandoli.

Soldi maledetti.

Ultimi Articoli

Top News

Amministrative in Trentino-Alto Adige, ballottaggi a Merano e Brentonico

12 Ottobre 2021 0
TRENTO (ITALPRESS) – Ballottaggio a Merano e Brentonico, sindaci eletti in altri 5 Comuni. Questo l’esito delle Amministrative di domenica e lunedì in Trentino Alto-Adige.A Merano il sindaco uscente Paul Rosch va al 33,3%, e se la vedrà al secondo turno con Dario Dal Medico, che ha ottenuto il 32,7%.A Brentonico il ballottaggio sarà tra […]

[…]

Top News

Speranza “Costruire l’Unione Europea della salute”

12 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Dobbiamo costruire un sistema sanitario europeo capace di rispondere alle crisi sanitarie future. Hera dovrà lavorare per assicurare con efficienza e tempestività disponibilità a prezzi accessibili per vaccini e trattamenti terapeutici da parte degli stati membri. Un sistema che sostenga i paesi Ue per scorgere le minacce e fronteggiare le crisi sanitarie […]

[…]

Top News

Amministrative in Sardegna, Olbia al centrodestra e Carbonia al Pd

12 Ottobre 2021 0
CAGLIARI (ITALPRESS) – Su 98 Comuni della Sardegna chiamati al voto sono 96 quelli ad aver già eletto il proprio sindaco. Nelle tre principali città con più di 15mila abitanti sono stati eletti due sindaci, mentre solo a Capoterra si andrà al ballottaggio e dunque bisognerà attendere un altro turno per avere il primo cittadino. […]

[…]

Top News

Amministrative, in Sicilia premiato l’asse Pd-M5S, bassa l’affluenza

12 Ottobre 2021 0
PALERMO (ITALPRESS) – Le urne in Sicilia premiano l’asse Pd-M5s e mandano in soffitta qualsiasi ipotesi di maggioranza sul modello Draghi che pure era stata avanzata nelle scorse settimane dal presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Miccichè. “Inutile riprovarci”, il suo commento. Questo uno dei primi dati che emergono dalla tornata di amministrative che ha portato […]

[…]

Top News

Letta “Draghi sciolga Forza Nuova”

12 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quella è la strada da seguire e chiediamo al presidente Draghi di farlo. Ma noi abbiamo presentato una mozione perchè penso sia importante per il governo avere un ampio sostegno parlamentare rispetto a questa decisione. Deve esserci e sarebbe incomprensibile se non ci fosse”. Lo dice in un’intervista al quotidiano La Stampa […]

[…]

Top News

No green pass, sequestrato e oscurato il sito web di Forza Nuova

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La Polizia postale ha sequestrato e oscurato, con provvedimento della Procura della Repubblica di Roma, il sito di Forza Nuova. Il provvedimento è relativo a quanto avvenuto sabato in centro a Roma durante la manifestazione No Vax e no Green pass.(ITALPRESS).

[…]