Irpinia in ginocchio, vento forte, alberi crollati, neve e gelo: ingenti danni, ecco la mappa

L’intera Irpinia è stata interessata da una perturbazione a carattere nevoso, con fortissime raffiche di vento.

Questo ha provocato notevoli disagi sia in provincia che ad Avellino.

Il forte vento ha fatto cadere moltissimi alberi e rami, oltre a lamiere divelte e tegole pericolanti.

Ad Avellino in via Raffaele Aversa sono state rimosse delle lamiere pericolanti che si erano staccate dalla parete di un edificio.

Al momento sono più di trenta gli interventi effettuati dai vigili del fuoco su tutto il territorio provinciale.

A Monteforte Irpino, presso il parco Santa Maria, un albero è caduto sul vicino palazzo, per fortuna senza provocare danni a persone.

Si è reso necessario l’intervento dell’autogru per la rimozione del pesante tronco e per liberare l’edificio.

A Grottaminarda in via Valle, è caduto un palo della Telecom, ed è intervenuta la squadra del locale distaccamento per la messa in sicurezza.

Ad Altavilla Irpina in via Feliciano, con l’ausilio dell’autoscala si è rimossa una grondaia pericolante.

3

Un altro albero caduto si è verificato a Melito Irpino. 

La squadra del distaccamento di Bisaccia si è portata in via Marzoni per la rimozione di un comignolo pericolante .

Altro albero caduto sulla carreggiata della Strada Vicinale Perazzo a Grottaminarda, sempre risolto dalla locale squadra. Lamiere pericolanti sono state rimosse a Mirabella Eclano in via Scuolaguarini.

A Candida la squadra del distaccamento di Montella ha rimosso delle tegole pericolanti in via Castello.

A Summonte in via Campo Di Maio sono stati rimossi dei cornicioni pericolanti.

Mentre la squadra del distaccamento di Lioni ha effettuato il recupero di una famiglia originaria del Salernitano, rimasta bloccata a SP 368, che da Lioni porta al Laceno per la neve.

I due genitori con la loro bambina sono stati recuperati e rimessi in condizioni di poter far rientro a casa.

Altri alberi caduti sulla carreggiata a Parolise in via Chiaire.

Ancora a Grottaminarda in via Tratturo sono state rimosse altre lamiere pericolanti.

Ad Avellino in via Ammaturo è stato messo in sicurezza un ponteggio pericolante.

A Forino si è intervenuti per la rimozione di tegole pericolanti.

A dar man forte alle due squadre della sede centrale, è rientrata anche la squadra del distaccamento di Montella. Molto interassata da questi tipologia di interventi Grottaminarda e i comuni limitrofi, ed il Tricolle.

Continuano ad arrivare presso la sala operativa del Comando di Avellino numerose richieste.

Ultimi Articoli

Top News

Mario Rosario Morelli nuovo presidente della Corte Costituzionale

16 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Mario Rosario Morelli è il nuovo presidente della Corte Costituzionale. Succede a Marta Cartabia, prima donna a ricoprire questo incarico. Lo ha eletto il plenum della Corte con nove voti a favore; cinque sono andati a Giancarlo Coraggio e uno a Giuliano Amato. Giudice costituzionale dal 2011, resterà in carica per soli […]

[…]

Top News

Pioli “Poco tempo, ma il Milan è pronto per l’Europa League”

16 Settembre 2020 0
CARNAGO (ITALPRESS) – “C’è emozione per la nuova stagione. Dobbiamo concretizzare un percorso iniziato l’anno scorso. I preliminari sono l’inizio, ma noi vogliamo arrivare ai gironi”. Stefano Pioli è pronto a ricominciare come aveva finito lo scorso campionato. Il Milan vuole replicare la grande seconda parte di stagione, quella del post-lockdown, in Europa League. Un […]

[…]

Top News

La caffeina stimola la creatività, lo conferma uno studio

16 Settembre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – Terminate le ferie, per gli italiani è iniziato il back to work, che per molti significa proseguire il lavoro da casa. Continua infatti l’incertezza su come evolverà la vita, in particolare quella lavorativa: termoscanner e gel all’ingresso, postazioni agili, home working… sono cambiati gli spazi e i tempi che segnavano il ritmo […]

[…]

Top News

Coronavirus, a preoccupare di più gli italiani lavoro e disoccupazione

16 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Gli italiani hanno ben compreso che il quadro economico e sociale del nostro Paese è oggettivamente complicato e allo stesso tempo nebuloso, tuttavia le loro speranze vanno in un’unica direzione: il ritorno a una – per quanto anomala – stabilità. Il 65%, pur riconoscendone lo sforzo e l’impegno, ritiene insufficienti le misure […]

[…]