Il capoclan Domenico Pagnozzi ottiene un clamoroso annullamento in cassazione

La Suprema Corte, sesta sezione penale, presieduta dal Dott. Petitti e che ha visto come relatore il dott. Costanzo, in completo accoglimento del diffuso ricorso proposto dagli avvocati Dario Vannetiello ed Alfonso Furgiuele, ha annullato la condanna ad anni 16 e mesi 4 di reclusione irrogata a Pagnozzi Domenico in data 12.03.18 dalla Corte di appello di Napoli – IV sezione – .

L’accusa oggetto del processo è quella di aver diretto ed organizzato quella storica organizzazione operante oramai da oltre trenta anni nelle due province di Benevento ed Avellino, con propaggini nell’hinterland napoletano, in particolare a S. Giovanni a Teduccio, con significativa e recente ramificazione nella città di Roma.

Più volte in passato è stato indagato e processato più volte per omicidio, senza mai riportare la condanna all’ergastolo.

Il noto magistrato Raffale Cantone, allorquando era pubblico ministero in carica alla direzione distrettuale antimafia di Napoli, nel processo al famigerato clan del Casalesi, ne invocò la assoluzione con una sorprendente motivazione: camorrista carismatico che non doveva essere ritenuto intraneo ai Casalesi in quanto si era opposto con successo al tentativo di costoro di inglobarlo nelle loro impressionanti file.

Fu allora che i casalesi decretarono la sua morte alla quale “o professore” scampò in prima battuta per circostanze fortuite, poi per la sua capacità di tessere alleanze nel mondo criminale.

La direzione distrettuale della città capitolina da anni sostiene con determinazione che Domenico Pagnozzi, soggetto rispettato da esponenti di primo piano della ‘ndrangheta e da quelle che facevano parte della banda della Magliana, avrebbe esportato metodi e sistemi camorristici nella capitale d’Italia, iniziando ad imporsi nel lontano 2001 con l’omicidio del boss siciliano Giuseppe Carlino avvenuto sul litorale laziale.

Con la ultima decisione assunta dalla Suprema Corte, il processo è da rifare completamente innanzi a diversa sezione della Corte di appello di Napoli.

Ad oggi Pagnozzi è sottoposto al carcere duro ed attende la fissazione di altro processo in cassazione, quello per l’appunto relativo alla condanna ad anni 30 di reclusione per aver diretto due associazioni criminali nella città di Roma, una destinata al narcotraffico, l’altra finalizzata ad imporsi nella economia della capitale anche mediante violenza e minaccia.

Decisione questa che potrebbe determinare la fine della storia giudiziaria del boss campano o restituirlo di colpo e per l’ennesima volta alla libertà, come accaduto più volte in passato.

Ultimi Articoli

Top News

Ronaldo e Morata trascinano la Juve agli ottavi di Champions

24 Novembre 2020 0
TORINO (ITALPRESS) – La Juventus stacca in extremis ma con due turni d’anticipo il biglietto per gli ottavi di finale di Champions League. All’Allianz Stadium di Torino, i bianconeri allenati da Andrea Pirlo hanno superato il Ferencvaros per 2-1. La Juventus, infatti, era partita con il freno a mano tirato, incapace di andare a far […]

[…]

Top News

Doppietta Immobile e Parolo, Lazio batte Zenit 3-1

24 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Fondamentale vittoria della Lazio per 3-1 contro lo Zenit in Champions League. La doppietta di Immobile, un gol in apertura e l’altro su rigore nella ripresa, insieme alla rete di Parolo, consentono ai biancocelesti di salire a quota 8 punti nel girone F da imbattuti in Europa. Dzyuba aveva accorciato le distanze […]

[…]

Top News

Al congresso Simg l’importanza della spirometria

24 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – L’importanza della spirometria e l’attualità dell’esame, anche in questo difficile periodo. E’ il tema al centro del dibattito online organizzato in occasione del 37° Congresso Nazionale della Simg. Hanno partecipato al dibattito online sul tema “Mmg e le problematiche pneumologiche”, Vincenzo Russo, Flavio Aiello, Fabio Lombardo, Francesco Paolo Lombardo, Claudio Paci. I […]

[…]

Top News

Coronavirus, 23.232 nuovi contagi e 853 morti, boom decessi

24 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Brusco balzo in avanti dei decessi, con 853 morti nelle ultime 24 ore a fronte dei 630 di ieri. Il totale delle vittime sale così a 51.306. Sostanzialmente stabili i nuovi contagi di Coronavirus in Italia. Sono infatti 23.232 quelli registrati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 22.930), per un totale […]

[…]