Vendevano prodotti online ma non li consegnavano

È andata male, questa volta, a 3 pregiudicati, che inserendo vari annunci su noti siti internet, erano riusciti a farsi accreditare su carta prepagata l’importo pattuito da ignari clienti che avevano creduto nelle vantaggiose offerte messe on line. Articolata è stata attività di indagine dei Carabinieri della Compagnia di Montella che, nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, mantengono alta l’attenzione ai rischi di truffe di ogni genere, effettuando una serie di…

È andata male, questa volta, a 3 pregiudicati, che inserendo vari annunci su noti siti internet, erano riusciti a farsi accreditare su carta prepagata l’importo pattuito da ignari clienti che avevano creduto nelle vantaggiose offerte messe on line. Articolata è stata attività di indagine dei Carabinieri della Compagnia di Montella che, nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, mantengono alta l’attenzione ai rischi di truffe di ogni genere, effettuando una serie di accertamenti finalizzati alla prevenzione delle truffe, in particolare quelle realizzate in “rete”. Le indagini sviluppate dai Carabinieri della Stazione di Nusco hanno permesso, infatti, di scoprire e smascherare diverse truffe poste in essere da 3 persone, che realizzavano “affari” su noti siti internet, facendosi pagare anticipatamente l’importo pattuito, senza consegnare l’oggetto acquistato agli acquirenti. Un televisore di ultima generazione, una fisarmonica ed alcuni attrezzi fitness, questi gli oggetti posti in vendita, corrisposti mediante ricariche su postepay. Nel corso delle indagini espletate dai militari dell’Arma sono emerse svariate truffe, messe a segno dagli stressi malfattori e perpetrate sempre a mezzo internet, ai danni di altre persone residenti in diverse regioni d’Italia ingannate dal prezzo oltremodo conveniente dell’oggetto desiderato. Accertate le evidenti responsabilità ed identificati i 3 venditori, sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Capo Dott. Rosario Cantelmo. La collaborazione delle persone è stata fondamentale per l’identificazione dei responsabili e l’attività di informazione dell’Arma ha consentito di evitare che i soggetti portassero a compimento ulteriori truffe.

Ultimi Articoli

Attualità

Covid in Irpinia: 14 casi

6 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che, su 168 tamponi effettuati, sono risultate positive al Covid 14 persone: – 1, residente nel comune di Ariano Irpino; – 1, residente nel comune di Atripalda; – 1, residente nel […]

Baiano

In possesso di cocaina e hashish, denunciato 30enne

6 Dicembre 2021 0

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. In tale contesto, un’altra attività è stata condotta dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile […]

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]