Tremila euro di mozzarelle pagate con assegno revocato: truffata azienda irpina

I Carabinieri della Stazione di Montella hanno denunciato un 45enne della provincia di Napoli, ritenuto responsabile dei reati di truffa e ricettazione.

L’indagine ha preso spunto dalla denuncia sporta dal titolare di un’azienda agricola al quale il malvivente, ripetendo un modus operandi utilizzato in molteplici altre circostanze, gli commissionava prodotti caseari per circa 3mila euro e al momento della consegna pagava con un assegno bancario che, posto all’incasso, risultava revocato per mancanza di autorizzazione o provvista.

Attraverso una serie di accertamenti i Carabinieri sono risaliti all’identità del presunto responsabile che è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Ultimi Articoli

Top News

Con il decreto covid tornano le zone gialle, le novità

21 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto sulle riaperture. Tra le principali novità, dal 26 aprile chi è munito di certificazione verde potrà spostarsi da una Regione all’altra anche se si tratta di zone rosse o arancioni. Sempre dal 26 aprile e fino al 15 giugno, in zona gialla e […]

[…]

Top News

Coronavirus, 13.844 nuovi contagi e 364 decessi nelle ultime 24 ore

21 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – I nuovi positivi al Covid sono 13.844 (+1.770), a fronte di un aumento significativo dei tamponi processati, 350.034, determinando un tasso di positività che scende al 3,9%. Diminuiscono i decessi, 364 (-26). Lo rende noto il bollettino del Ministero della Salute I guariti sono 20.552 mentre gli attuali positivi scendono a 475.635 […]

[…]

Top News

Sondaggi, per 56% italiani inaccettabile aziende falliscano per Covid

21 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – L’emergenza Covid-19 che ha colpito tutto il mondo e il nostro Paese, oltre ai problemi a livello sanitario e sulla salute, ha avuto delle importanti ripercussioni anche dal punto di vista economico. Sono molte le aziende che, a causa delle chiusure forzate e al periodo di inattività, si ritrovano ad avere notevoli […]

[…]