Trattore in vendita online, è la solita truffa: denunciati due pregiudicati

I Carabinieri della Stazione di Bisaccia hanno denunciato due uomini di Crotone, ritenuti responsabili del reato di truffa.

L’indagine ha preso spunto dalla denuncia sporta da un uomo del luogo che, dovendo acquistare un trattore, era stato attratto da un annuncio pubblicato su un noto sito on-line: considerato l’ottimo prezzo, ha contattato l’inserzionista, bloccando l’affare, versando 700 euro mediante bonifico bancario.

Ma, ricevuta la citata somma, il fittizio venditore si rendeva irreperibile.

Le indagini condotte dai Carabinieri hanno consentito di risalire all’identità dei presunti responsabili della truffa.

Alla luce delle evidenze emerse, i due soggetti (già noti alle Forze dell’Ordine soprattutto per analoghi reati) sono stati deferiti in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria

Ultimi Articoli

Top News

Cagliari e Fiorentina si annullano, finisce 0-0

12 Maggio 2021 0
CAGLIARI (ITALPRESS) – Cagliari e Fiorentina non si fanno male, puntellano la classifica con un punto a testa e compiono un altro passo verso la salvezza. Termina 0-0 la sfida che apre l’ultimo turno infrasettimanale della Serie A, in una partita avara di emozioni e con un punteggio che accontenta più i viola (ora a […]

[…]

Top News

Vigili del fuoco, Conapo a Lamorgese “Più risorse nel contratto”

12 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “I vigili del fuoco meritano un riconoscimento aggiuntivo nel rinnovo del contratto di lavoro, le risorse stanziate sono insufficienti e non riconoscono la specificità lavorativa del nostro personale. Fare il vigile del fuoco è cosa ben diversa dal normale pubblico impiego, lo dimostrano le emergenze e lo ha dimostrato la pandemia, c’è […]

[…]

Top News

Vaccini, dal 17 maggio via libera alle prenotazioni per i 40enni

12 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Da lunedì 17 maggio le Regioni potranno avviare le prenotazioni vaccinali anche per gli over 40. La struttura commissariale guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo ha infatti inviato una lettera alle Regioni e alle Province Autonome nella quale si spiega che “per consentire una migliore programmazione si dà facoltà di avviare le […]

[…]