Sversano rifiuti tossici nei normali cassonetti: 3 denunciati

CRONACA ARIANO IRPINO – Permane alta e costante l’attenzione e la vigilanza dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati anche all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica e, in particolare, alla gestione illecita di rifiuti. Questa volta nel mirino dei militari della Stazione di Ariano Irpino sono finiti tre soggetti sopresi mentre cercano di disfarsi di rifiuti altamente inqui…

CRONACA ARIANO IRPINO – Permane alta e costante l’attenzione e la vigilanza dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati anche all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica e, in particolare, alla gestione illecita di rifiuti. Questa volta nel mirino dei militari della Stazione di Ariano Irpino sono finiti tre soggetti sopresi mentre cercano di disfarsi di rifiuti altamente inquinanti e tossici, versandoli nei normali cassonetti per la raccolta dei rifiuti.
In particolare, nella giornata di ieri, in Ariano Irpino, nel corso di un servizio di controllo del territorio, i militari notavano tre persone del luogo mentre scaricavano rifiuti pericolosi (filtri di benzina, olio motore e materiale plastico) provenienti da un’attività di autofficina, all’interno di raccoglitori di rifiuti presenti nel piazzale. Si procedeva dunque all’identificazione degli stessi per i quali, ritenuti responsabili di illecito smaltimento di rifiuti, scattava la denuncia in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria. Sia il furgone che i rifiuti in argomento sono stati sottoposti a sequestro.

Ultimi Articoli

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]