Strage bus A16, parti civili chiedono processo per indagati

Nuova udienza davanti al Gup del Tribunale di Avellino, Gianfrancesco Fiore, del processo a carico di 15 indagati accusati a vario titolo della morte di 40 persone che il 28 luglio del 2013 persero la vita precipitando a bordo di un bus dal viadotto “Acqualonga” dell’A16 Napoli-Canosa, in territorio di Monteforte Irpino. I difensori delle parti civili, complessivamente 113 quelle di cui è stata accettata la costituzione, hanno chiesto il rinvio a giudizio degli indagati. In particolare, è stata …

Nuova udienza davanti al Gup del Tribunale di Avellino, Gianfrancesco Fiore, del processo a carico di 15 indagati accusati a vario titolo della morte di 40 persone che il 28 luglio del 2013 persero la vita precipitando a bordo di un bus dal viadotto “Acqualonga” dell’A16 Napoli-Canosa, in territorio di Monteforte Irpino. I difensori delle parti civili, complessivamente 113 quelle di cui è stata accettata la costituzione, hanno chiesto il rinvio a giudizio degli indagati. In particolare, è stata citata una sentenza della Corte di Cassazione, Sezioni Unite, che per un analogo incidente avvenuto in Sicilia, nel quale persero la vita quattro persone, ha ritenuto responsabile il gestore dell’arteria della loro morte. La prossima udienza è stata fissata il 22 febbraio per gli interventi dei difensori degli indagati. In quella precedente, dello scorso 17 dicembre, anche i pm della Procura di Avellino, Cecilia Annecchini e Adriano Del Bene, avevano chiesto il rinvio a giudizio degli indagati.Nuova udienza davanti al Gup del Tribunale di Avellino, Gianfrancesco Fiore, del processo a carico di 15 indagati accusati a vario titolo della morte di 40 persone che il 28 luglio del 2013 persero la vita precipitando a bordo di un bus dal viadotto “Acqualonga” dell’A16 Napoli-Canosa, in territorio di Monteforte Irpino. I difensori delle parti civili, complessivamente 113 quelle di cui è stata accettata la costituzione, hanno chiesto il rinvio a giudizio degli indagati. In particolare, è stata citata una sentenza della Corte di Cassazione, Sezioni Unite, che per un analogo incidente avvenuto in Sicilia, nel quale persero la vita quattro persone, ha ritenuto responsabile il gestore dell’arteria della loro morte. La prossima udienza è stata fissata il 22 febbraio per gli interventi dei difensori degli indagati. In quella precedente, dello scorso 17 dicembre, anche i pm della Procura di Avellino, Cecilia Annecchini e Adriano Del Bene, avevano chiesto il rinvio a giudizio degli indagati.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino concentrato con le ‘piccole’ per la rincorsa

8 Dicembre 2021 0

di Dino Manganiello Adesso è necessario capovolgere quanto fatto finora. Perché dopo aver sottolineato le buonissime prestazioni dell’Avellino contro le migliori dell’attuale classifica, c’è da ricordare, anche se è doloroso, che i biancoverdi hanno perso […]

Cultura ed Eventi

Esiste l’inquilino sicuro: ecco chi è

8 Dicembre 2021 0

Esiste l’inquilino sicuro? Ossia quell’inquilino che non crea problemi di morosità e che garantisce nella massima serenità la rendita di un immobile?Gianluca Russo, Ceo di Solo Affitti Avellino ci ha spiegato come funziona la politica del marchio Solo Affitti , […]

Attualità

A Summonte melodia antistress grazie a tiglio secolare

7 Dicembre 2021 0

Ha più di 240 anni ed è censito nello speciale elenco degli alberi monumentali d’Italia. Oltre a rappresentare da sempre uno straordinario valore estetico e paesaggistico. Ma ora diventa anche strumento “terapeutico”. Si tratta del […]