Officina abusiva e senza autorizzazione per lo scarico fognario: denunciato titolare

I Carabinieri della Stazione Forestale di Volturara Irpina, nell’ambito di programmati controlli delle attività delle officine meccaniche, hanno denunciato il titolare di un’officina meccanica di Paternopoli.

Dalle verifiche effettuate dai Carabinieri, unitamente a personale della locale Polizia Municipale e dell’Ufficio Tecnico, è emerso che l’immobile adibito ad officina era stato realizzato parzialmente senza la presenza di alcun titolo abilitativo.

Inoltre il titolare non era in possesso della prevista autorizzazione allo scarico in pubblica fogna delle acque reflue industriali prodotte dalla sua attività.

Il Comune di Paternopoli ha emesso l’ordinanza di abbattimento e ripristino dello stato dei luoghi e, contestualmente, il titolare dell’officina è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Benevento in quanto ritenuto responsabile di “Violazioni inerenti il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia” nonché di “Gestione illecita di scarichi di acque reflue industriali”.

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, per Gentiloni economia rallenta ma fiducia nel futuro

27 Ottobre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – La seconda ondata del Covid-19, che ha colpito gran parte dei paesi europei, provocherà sicuramente un ulteriore rallentamento economico. E’ quanto ha sostenuto il Commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, nel corso dell’Intereconomics conference del Ceps. “Le misure che i governi europei hanno dovuto adottare per abbassare la curva, restringendo spostamenti e contatti […]

[…]

Top News

Coronavirus, Renzi “Siamo in maggioranza ma non saremo mai ‘yes man’”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Leggo polemiche sulla nostra semplice richiesta al Premier di rivedere il DPCM. Chiudendo ristoranti alle 18 e chiudendo i luoghi della cultura non diminuiscono i contagiati: aumentano solo i disoccupati. Chiedere di riflettere su basi scientifiche e non su emozioni passeggere è un atto di responsabilità contro la superficialità”. Lo scrive su […]

[…]