Montoro, colpo lampo alla Banca Popolare di Ancona: ladri in fuga

Colpo alla Banca Popolare di Ancona della frazione Piano di Montoro. Poco prima della chiusura per l’ora di pranzo, alcuni malviventi hanno fatto irruzione nell’istituto di credito e si sono fatti consegnare il contante nelle casse. Un colpo lampo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Montoro ed i colleghi della compagnia di Baiano ed il nucleo investigativo della compagnia di Avellino. I militari stanno effettuando i rilievi del caso ed hanno provveduto ad acquisire i film…

Colpo alla Banca Popolare di Ancona della frazione Piano di Montoro. Poco prima della chiusura per l’ora di pranzo, alcuni malviventi hanno fatto irruzione nell’istituto di credito e si sono fatti consegnare il contante nelle casse. Un colpo lampo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Montoro ed i colleghi della compagnia di Baiano ed il nucleo investigativo della compagnia di Avellino. I militari stanno effettuando i rilievi del caso ed hanno provveduto ad acquisire i filmati della videosorveglianza interna. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che ad agire siano stati due uomini, dal forte accento partenopeo. I due dopo essere entrati in banca hanno minacciato i dipendenti costringendoli a farsi consegnare il contante contenuto in cassa. Una volta preso quanto volevano hanno chiuso il personale dell’istituto di credito in uno stanzino per poi darsi alla fuga. Quando i dipendenti sono riusciti a liberarsi hanno immediatamente dato l’allarme. Ad agevolare l’opera dei malviventi con ogni probabilità il fatto che l’istituto di credito preso di mira, è facilmente raggiungibile dal raccordo autostradale Salerno-Avellino. Il bottino sembra si aggiri sui 10.000 euro.

Ultimi Articoli

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]