Montefusco, corsa contro il tempo per salvare il convento

IL CASO – La mobilitazione per la salvezza dello storico convento dei frati minori di Sant’Egidio a Montefusco è contagiosa. Quasi ovunque nei paesi del circondario si stanno raccogliendo firme da inviare anche a papa Francesco. Persino ad Avellino c’è chi si è preso la briga di raccoglierle. Intanto si è costituito un comitato spontaneo di cittadini e fedeli, tutti uniti dall’intento di evitare la soppressione dell’antico convento francescano alle porte del borgo, convento sorto nel 1625…

IL CASO – La mobilitazione per la salvezza dello storico convento dei frati minori di Sant’Egidio a Montefusco è contagiosa. Quasi ovunque nei paesi del circondario si stanno raccogliendo firme da inviare anche a papa Francesco. Persino ad Avellino c’è chi si è preso la briga di raccoglierle. Intanto si è costituito un comitato spontaneo di cittadini e fedeli, tutti uniti dall’intento di evitare la soppressione dell’antico convento francescano alle porte del borgo, convento sorto nel 1625. Qui ha studiato durante il ginnasio anche san Pio da Pietrelcina. La crisi delle vocazioni ha purtroppo messo in crisi il sistema di mantenimento di queste grosse strutture religiose, e allora i superiori dell’ordine della provincia di Foggia a cui fa capo hanno optato per l’imminente chiusura del convento. Ed è corsa contro il tempo per salvare il luogo di culto, solido punto di riferimento spirituale per l’Irpinia e il Sannio.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]