Materiale di risulta ed eternit in un noccioleto: denunciato imprenditore edile

I Carabinieri della Stazione di Ospedaletto d’Alpinolo hanno denunciato in stato di libertà un imprenditore edile, ritenuto responsabile di gestione illecita di rifiuti.

L’accesso ispettivo eseguito all’interno di un noccioleto ha permesso di rinvenire materiale di risulta con presenza di eternit nonché due baracche realizzate con lastre costituite da analogo conglomerato cementizio, notoriamente considerato altamente cancerogeno.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, in attesa delle successive analisi di laboratorio da parte dell’ARPAC.

Alla luce delle evidenze emerse a carico del proprietario del terreno è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Ultimi Articoli

Top News

Ponte sullo Stretto, da Helsinki a Palermo percorrendo un’unica via

8 Aprile 2021 0
di Ilenia MusolinoROMA (ITALPRESS) – Da Helsinki a Palermo percorrendo un’unica, lunga via che passa per Svezia, Danimarca, Germania e Italia. E’ il corridoio europeo Scandinavo-Mediterraneo, uno dei percorsi individuati dall’Ue nell’ambito delle reti trans-europee di trasporto (TEN-T). Sul tracciato del corridoio, considerato un “cruciale asse nord-sud per l’economia” del continente, c’è anche lo Stretto […]

[…]

Top News

AstraZeneca, ministero Salute “Raccomandato l’uso per over 60”

8 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ribadendo che il vaccino Vaxzevria (AstraZeneca, ndr) è approvato a partire dai 18 anni di età, sulla base delle attuali evidenze, tenuto conto del basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte della elevata mortalità da COVID-19 nelle fasce di età più avanzate, si rappresenta che è raccomandato un suo […]

[…]

Top News

Covid, Lamorgese “Evitare che il disagio sociale sia strumentalizzato”

8 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Alle persone che scendono in piazza per manifestare io voglio dire che lo Stato c’è e che faremo di tutto per fronteggiare una crisi che colpisce famiglie e imprese. Ma non possono essere tollerate aggressioni e comportamenti violenti”. Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.“Dobbiamo monitorare […]

[…]