La Cassazione revoca misura prevenzione per Paolo Pagnozzi

Colpo di scena in cassazione. Per i giudici di legittimità Pagnozzi Paolo non è un soggetto pericoloso . Infatti, la sesta sezione penale della Suprema Corte, in totale accoglimento del ricorso redatto dall’avvocato Dario Vannetiello, ha annullato il decreto emesso dalla Corte di Appello di Napoli – VIII sezione – con il quale era stata applicata nei suoi confronti la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza . Come…

Colpo di scena in cassazione. Per i giudici di legittimità Pagnozzi Paolo non è un soggetto pericoloso . Infatti, la sesta sezione penale della Suprema Corte, in totale accoglimento del ricorso redatto dall’avvocato Dario Vannetiello, ha annullato il decreto emesso dalla Corte di Appello di Napoli – VIII sezione – con il quale era stata applicata nei suoi confronti la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza . Come è noto la misura di prevenzione comporta delle consistenti limitazioni nella libertà di movimento adottate nei confronti di chi è probabile possa commettere reati Pagnozzi Paolo è ritenuto da un ventennio dalla direzione distrettuale antimafia ritenuto uomo di vertice dell’omonima organizzazione camorristica che opera a cavallo delle province di Benevento ed Avellino, con diramazione nella zona di Napoli – Ponticelli nonché con significativa ramificazione nella città di Roma. Infatti, come emerso nell’ultima inchiesta denominata camorra capitale, è proprio il fratello maggiore di Paolo Pagnozzi, Domenico, ad essere ritenuto il capo della associazione che avrebbe innumerevoli interessi nel centro di Roma e nella zona est della capitale. Con questa favorevole decisione Pagnozzi Paolo ha, di fatto, chiuso i suoi conti con la giustizia, in quanto non ha condanne da scontare ed allo stato ha un unico procedimento penale a carico per il non grave reato di violenza privata. La sua storia giudiziaria è molto particolare in quanto ha parecchi primati: è stato colui che ha ottenuto la condanna più bassa mai inflitta per un partecipe ad una associazione camorristica (solo un anno e quattro mesi di reclusione, dopo due annullamenti disposti dalla Corte di cassazione); pur pluriprocessato, è stato assolto per ben cinque volte nelle inchieste di camorra che hanno riguardato il clan Pagnozzi, optando coraggiosamente sempre per il rito abbreviato; le procure hanno chiesto nel corso degli anni nei suoi confronti un totale di oltre ottanta anni di carcere, ma risulta averne pagati meno di cinque. Altro dato degno di nota: fu imputato di narcotraffico dalla direzione distrettuale antimafia di Milano (poi assolto), insieme a Cicala Orazio, colui che fu condannato ad anni trenta di reclusione per l’omicidio del famoso stilista Gucci. Da oggi, per la prima volta è un uomo completamente libero e senza il peso di processi da affrontare. In tutti i processi ha avuto sempre un unico difensore, l’avvocato Dario Vannetiello del Foro di Napoli.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]