Inchiesta Black Land: “Per sviluppo basta ecomafie e poteri forti”

“L’inchiesta Black Land, smaltimento illecito di rifiuti, oltre Foggia, Caserta e Benevento coinvolge anche la Provincia di Avellino, ciò conferma che l’Irpinia non è un’isola felice. Dal post- terremoto ad oggi, in nome del profitto, imprenditori predatori collusi con la criminalità organizzata hanno sacrificato la nostra terra in modo spregiudicato, sovente coperti dal colpevole silenzio delle istituzioni e degli organi di vigilanza e tutela”. Eì quanto sostiene in una nota, il segretario prov…

“L’inchiesta Black Land, smaltimento illecito di rifiuti, oltre Foggia, Caserta e Benevento coinvolge anche la Provincia di Avellino, ciò conferma che l’Irpinia non è un’isola felice. Dal post- terremoto ad oggi, in nome del profitto, imprenditori predatori collusi con la criminalità organizzata hanno sacrificato la nostra terra in modo spregiudicato, sovente coperti dal colpevole silenzio delle istituzioni e degli organi di vigilanza e tutela”. Eì quanto sostiene in una nota, il segretario provinciale del Prc-Fds Tony Della Pia.
“La classe dirigente locale impegnata solo a rafforzare e consolidare il suo dominio ha permesso la colonizzazione del territorio e la conseguente devastazione, discariche inquinanti, isochimica, prefabbricati pesanti contenenti amianto, eolico selvaggio gestito direttamente dalle ecomafie, lavorazioni tossiche e nocive,sono il caro prezzo che la nostra comunità è costretta a pagare in termini economici,considerati i danni prodotti che in taluni casi hanno compromesso per sempre le potenzialità ambientali e naturalistiche, ma sopratutto sotto l’aspetto della salute.
Questa dura realtà – prosegue Della Pia – non è il passato infatti, ancora una volta, i poteri forti tentano di allungare i tentacoli. Le trivellazioni petrolifere, se non impedite, potrebbero rappresentare la definitiva capitolazione di un’altro modello di sviluppo possibile, per queste ragioni Rifondazione Comunista invocando una nuova vigilanza democratica attiva è e sarà al fianco di associazioni, movimenti e cittadini che non intendono genuflettersi di fronte all’arroganza criminale delle lobby e della camorra”. 

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]