In possesso di droga e armato di mazza e sfollagente: denunciato

CRONACA MONTEFORTE IRPINO – I Carabinieri della Compagnia di Baiano, durante i predisposti servizi finalizzati al contrasto dei reati in materia di armi e contro la persona, hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un pregiudicato 32enne originario di Avellino. Nella fattispecie, i militari della Stazione di Monteforte Irpino, durante apposito servizio di perlustrazione del territorio, hanno proceduto al controllo della persona suindicata che si trovava alla guida della propria…

CRONACA MONTEFORTE IRPINO – I Carabinieri della Compagnia di Baiano, durante i predisposti servizi finalizzati al contrasto dei reati in materia di armi e contro la persona, hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un pregiudicato 32enne originario di Avellino. Nella fattispecie, i militari della Stazione di Monteforte Irpino, durante apposito servizio di perlustrazione del territorio, hanno proceduto al controllo della persona suindicata che si trovava alla guida della propria autovettura. Lo stesso, alla vista dell’auto con colori di istituto, manifestava un apparente ed inspiegato nervosismo tale da insospettire i militari operanti che decidevano quindi di approfondire il controllo. Infatti, a seguito di perquisizione si rinveniva, occultati sotto il sedile lato conducente, un coltello, uno sfollagente di ferro ed una mazza da baseball. Ad esplicita richiesta da parte dei carabinieri, il giovane non era in grado di dare una valida giustificazione in merito al possesso di tali oggetti che all’occorrenza possono essere utilizzati per l’offesa dell’altrui persona. Inoltre, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso anche di alcune dosi di hashish e marijuana.
Quanto rinvenuto veniva sottoposto a sequestro e per il 32enne, oltre alla segnalazione ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 309/90 quale assuntore di stupefacenti, è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, per il reato di porto di armi e strumenti atti ad offendere nonché per essersi rifiutato di sottoporsi ad accertamenti tesi a verificare l’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]