Il Sappe sull’emergenza idrica nei carceri di Avellino e Ariano

“Dopo i fatti di violenza messi in atto dai detenuti nella notte tra il 15 e il 16 c.m. per la carenza idrica nel carcere di Bellizzi Irpino, fatti ampliamente riportati dalla stampa locale e da interrogazioni parlamentari giunte puntuali e tempestive, apprendiamo, con stupore e nello stesso tempo con soddisfazione, che è bastato l’incontro tra il rappresentante sindacale uil – pa penitenziari ed il presidente dell’Alto Calore Lello DE STEFANO, per risolvere il problema che era divenuto annoso e…

“Dopo i fatti di violenza messi in atto dai detenuti nella notte tra il 15 e il 16 c.m. per la carenza idrica nel carcere di Bellizzi Irpino, fatti ampliamente riportati dalla stampa locale e da interrogazioni parlamentari giunte puntuali e tempestive, apprendiamo, con stupore e nello stesso tempo con soddisfazione, che è bastato l’incontro tra il rappresentante sindacale uil – pa penitenziari ed il presidente dell’Alto Calore Lello DE STEFANO, per risolvere il problema che era divenuto annoso e drammatico.
Il Sappe (Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria) primo della categoria, ha più volte lanciato l’allarme su detta questione soprattutto dopo la costruzione dei reparti nuovi nelle strutture penitenziarie di Avellino e Ariano che erano già da sempre in sofferenza per una cronica carenza idrica, figuriamoci adesso che con i nuovi reparti la popolazione detenuta negli istituti in questione è aumentata di ulteriori 200 unità senza alcun potenziamento delle insufficienti e vetuste reti idriche.
Si porta a conoscenza che il Sappe per quanto riguarda anche la questione idrica dell’Istituto di Ariano Irpino, dopo l’apertura del nuovo reparto, ha presentato un dettagliato esposto-denuncia alla Procura di Benevento competente per territorio, in data 29.01.2015, esposto che verrà riproposto anche alla Procura di Avellino per ciò che concerne alla carenza idrica in relazione alla costruzione del nuovo reparto senza una adeguata previsione di rifornimento idrico cosa questa che si ripercuote sulla qualità detentiva dei detenuti e che causa continue tensioni che ricadono immancabilmente sull’incolumità del Personale di Polizia Penitenziaria in particolar modo nel periodo caldo.
A questo punto ci domandiamo come è possibile costruire uno Ospedale, una scuola, una caserma o addirittura un reparto detentivo senza la giusta previsione della quantità di acqua sufficiente al fabbisogno della struttura: le responsabilità di chi sono?????
Tutto ciò quando i legislatori europei ed italiani ipotizzano il reato di tortura anche nella detenzione.
Per quanto rappresentato, in considerazione da quanto appreso dalla stampa circa le soluzioni prospettate, si chiede alle autorità in indirizzo voler emettere una dettagliata informativa sulla “questione sollevata” e sulle “soluzioni paventate” anche per eliminare la confusione che trapela da quanto riportato dalla stampa.
Nelle more della definizione dei problemi esistenti si chiede alla Direzione voler fornire i posti di servizio del Personale della Polizia Penitenziaria distributori di gel igienizzante da utilizzare nei momenti di carenza idrica fornire taniche di acqua per gli scarichi dei WC dell’Istituto”. E’ quanto afferma in una nota Emilio Fattorello, segretario regionale del Sappe.

Ultimi Articoli

Top News

Sampdoria-Atalanta 0-2, la Dea aggancia la Juventus

28 Febbraio 2021 0
GENOVA (ITALPRESS) – L’Atalanta espugna il ‘Ferraris’, aggancia la Juventus (pur con una partita in più) e lancia l’ennesimo segnale per la corsa alle prime quattro posizioni. La Dea vendica l’1-3 interno dell’andata con un cinico 2-0, dimenticando le polemiche post Real Madrid e piazzando il terzo successo consecutivo in campionato. Qualche rimpianto per Ranieri, […]

[…]

Top News

Bonetti “Confermati congedi parentali e nuove misure nel DPCM”

28 Febbraio 2021 0
ROMA – (ITALPRESS) – “Governo pronto a reintrodurre misure straordinarie come i congedi parentali retribuiti ed estesi come età fino ai 14 anni e non retribuiti sopra i 14 anni, smart working come diritto dei genitori e sostegno come un voucher economico come sostegno per baby sitter e aiuto domestico per professionisti e partite iva. […]

[…]

Top News

Covid, Solinas “Test e tamponi a chiunque arrivi in Sardegna”

28 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La Sardegna l’estate scorsa ha pagato un prezzo pesantissimo, ci è stato riportato il virus sull’isola, ecco perchè il vero tema adesso saranno i controlli da un lato e il senso civico delle persone dall’altro”. Lo ha detto Christian Solinas, presidente della Regione Sardegna, prima zona bianca d’Italia, ospite di Maria Latella […]

[…]