Frigento, Ciullo: “Tutti devastati da una morte prematura”

IL DOLORE – Usa parole di conforto ma soprattutto di prudenza sulla morte prematura del giovane di Pila ai Piani trovato già esanime dai genitori. Il sindaco di Frigento, Carmine Ciullo, si fa portavoce del dolore e dello strazio che ha colpito l’intera comunità che amministra. “Aspettiamo l’esito dell’autopsia prima di parlare di meningite- spiega il primo cittadino del borgo ufitano-. Siamo stati tutti colpiti dalla perdita di una ragazzo d’oro, un bravissimo ragazzo per davvero. Siamo …

IL DOLORE – Usa parole di conforto ma soprattutto di prudenza sulla morte prematura del giovane di Pila ai Piani trovato già esanime dai genitori. Il sindaco di Frigento, Carmine Ciullo, si fa portavoce del dolore e dello strazio che ha colpito l’intera comunità che amministra. “Aspettiamo l’esito dell’autopsia prima di parlare di meningite- spiega il primo cittadino del borgo ufitano-. Siamo stati tutti colpiti dalla perdita di una ragazzo d’oro, un bravissimo ragazzo per davvero. Siamo vicini alla famiglia e ancora sconvolti da una notizia che ha lasciato tutti qui senza parole”. E’ cauto appunto, e solidale coi genitori di A.T., il 24 enne trasferito all’obitorio dell’ospedale Moscati di Avellino. Il giovane è stato rinvenuto cadavere in casa questa mattina dai familiari. Inutile ogni tentativo di rianimazione da parte dei primi soccorritori allertati dai genitori sconvolti dalla macabra scoperta.

Ultimi Articoli

Top News

Di Maio “M5S rappresenta il ceto medio e tutela le imprese”

14 Giugno 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – “Siamo cambiati senza mai rinunciare a noi stessi, soprattutto ai nostri valori. Rappresentiamo quella parte del Paese che ha più bisogno del cambiamento, il ceto medio che paga le tasse, che non si tira mai indietro e che porta ogni giorno sulle spalle il peso della collettività. Noi parliamo a loro e […]

[…]

Top News

Berlusconi “Al Governo per tagliare le tasse, poi la flat tax”

14 Giugno 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “Nella nostra visione liberale i cittadini non sono sudditi, sono persone titolari di diritti, fra i quali quello di disporre liberamente dei frutti del proprio lavoro. L’obbligo di versarne una quota allo Stato è una limitazione della libertà e dei diritti di proprietà, che è inevitabile, ma che va contenuta al massimo. […]

[…]