False cooperative per ricevere fondi: sequestro da 2mln di euro

Imprese commerciali edili nascoste dietro l’apparente veste giuridica di cooperativa per ottenere la concessione di aree destinate all’edilizia agevolata, truffando lo Stato. Questo è quanto hanno scoperto le Fiamme Gialle del Nucleo Polizia Tributaria di Avellino che hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip di Avellino finalizzato alla confisca di beni e disponibilità finanziarie per un valore di 2 milioni di euro a carico di 2 cooperative edilizie del capoluogo irpino e…

Imprese commerciali edili nascoste dietro l’apparente veste giuridica di cooperativa per ottenere la concessione di aree destinate all’edilizia agevolata, truffando lo Stato. Questo è quanto hanno scoperto le Fiamme Gialle del Nucleo Polizia Tributaria di Avellino che hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip di Avellino finalizzato alla confisca di beni e disponibilità finanziarie per un valore di 2 milioni di euro a carico di 2 cooperative edilizie del capoluogo irpino e di 4 persone tra amministratori e progettisti incaricati della realizzazione di immobili.
L’ipotesi di reato contestata è quella di concorso in truffa aggravata in danno allo Stato ed è stata contestata inoltre la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche.
Attraverso la veste di cooperativa i soggetti avrebbero indotto in errore la Regione Campania che ha concesso erogazioni pubbliche destinate a finanziare le opere in questione.
Le indagini hanno dimostrato che le persone fisiche coinvolte, facendo venire meno la natura mutualistica dello strumento cooperativistico, hanno utilizzato le agevolazioni di legge a fini esclusivi di lucro personale anche in danno delle imprese edili operanti sul mercato locale.
Nel corso delle indagini è stato sollecitato l’intervento del Ministero dello Sviluppo economico che ha portato al commissariamento di entrambe le società cooperative.
Secondo quanto emerso dalle indagini, le cooperative avrebbero acquisito in maniera indebita contributi regionali per un importo pari a 1.984.500 euro. Il sequestro ha avuto a oggetto 9 appartamenti, di cui 2 pre-assegnati a soggetti considerati prestanome degli indagati, e la somma di 267mila euro rinvenuta sui conti correnti intestati alle cooperative e agli indagati.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]