Di Nunno, D’Ercole: “Se ne va l’ultimo vero sindaco di Avellino”

AVELLINO – “Grande è il cordoglio che ha destato in me e nella comunità cittadina del centrodestra la scomparsa di Antonio Di Nunno: con lui, l’ultimo vero sindaco di questa città è andato via. Di Nunno è stato il primo e purtroppo ultimo vero interprete del ruolo di sindaco eletto direttamente dal popolo, autonomo dai partiti e dalle logiche di potere”. E’ quanto afferma Giovanni D’Ercole, presidente del Circolo P.E. Borsellino. …

AVELLINO – “Grande è il cordoglio che ha destato in me e nella comunità cittadina del centrodestra la scomparsa di Antonio Di Nunno: con lui, l’ultimo vero sindaco di questa città è andato via. Di Nunno è stato il primo e purtroppo ultimo vero interprete del ruolo di sindaco eletto direttamente dal popolo, autonomo dai partiti e dalle logiche di potere”. E’ quanto afferma Giovanni D’Ercole, presidente del Circolo P.E. Borsellino.
“In nome di questa autonomia, con lui, nel 2004, ho condotto la mia campagna elettorale più bella ed entusiasmante, quella del Patto Civico per Avellino. Intendevamo riuscire ad affermare i concetti di bene comune e di libertà al di là delle appartenenze e delle militanze che ci avevano visto su fronti contrapposti. La Città di Avellino premiò Galasso, De Mita e Mancino e decretò la fine di una intuizione – il superamento dei partiti per il bene cittadino – forse troppo ardita ed avanzata… Molti, che in quegli anni derisero quella proposta politica e che non persero occasione di evidenziare lo scarso successo elettorale di Di Nunno (dovuto esclusivamente al suo impegno in favore di altri candidati, a completo e lucido discapito della sua affermazione), oggi esprimono parole di affetto e di cordoglio false ed ipocrite: sarà la storia cittadina a raccontare come andarono le cose durante l’operazione canaglia, chi abbassò il capo dinanzi al diktat dei potenti e chi scelse la strada difficile dell’autonomia e della libertà. Resta in tutti noi e alla nostra dolente e pigra città la testimonianza di un Uomo innamorato di Avellino, dalla schiena veramente diritta e rispettoso delle Istituzioni, al di là delle appartenenze, testimoniata dal rapporto umano ed istituzionale che Di Nunno fu capace di stringere con l’allora governatore della Campania, Antonio Rastrelli.
La sua testimonianza sia di monito alle giovani generazioni incapaci di appassionarsi alla Politica. Essa è quello che è stato per Di Nunno: passione, impegno, onestà, autonomia e libertà di pensiero. Salutiamo il Sindaco Di Nunno inchinandoci alla sua passione civile e chiedendogli di proteggere, da dove egli già si trova, questa sfortunata città”, conclude D’Ercole.

Ultimi Articoli

Cronaca

Monteforte Irpino: controlli in un cantiere edile, 9 denunce

30 Novembre 2021 0

I Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino hanno denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica 9 persone, ritenute responsabili dei reati di “falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici”,“falsità ideologica […]

Attualità

Covid in Irpinia: 61 casi

30 Novembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 840 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 61 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 3, residenti nel comune di Ariano Irpino; – 1, residente nel […]

Cronaca

Dramma a Sturno, poliziotto trovato morto in auto

29 Novembre 2021 0

Un uomo di 57 anni, poliziotto in servizio presso il Commissariato di Ariano Irpino, è stato trovato cadavere all’interno della sua auto nel territorio di Sturno. Ad ucciderlo un colpo pistola. Sono in corso indagini. […]

Attualità

Covid in Irpinia: 38 casi. 7 a Cervinara

29 Novembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 797 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 38 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 1, residente nel comune di Ariano Irpino; – 3, residenti nel […]

Ariano Irpino

Ariano Irpino: furto dell’acqua, denunciato

29 Novembre 2021 0

I Carabinieri della Stazione di Ariano Irpino hanno denunciato un uomo della Città del Tricolle, ritenuto responsabile di furto aggravato. Lo stesso aveva trovato il modo per “risparmiare” sulla bolletta dell’acqua. Il sopralluogo eseguito con […]