Da Varese a Montoro per prostituirsi. Chiusa casa “a luci rosse”

MONTORO – I Carabinieri della Stazione di Montoro Inferiore hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, due persone in quanto ritenute responsabili di aver avviato una casa di prostituzione. Da alcuni giorni infatti i militari avevano notato un insolito e continuo via vai di uomini. Una attenta osservazione dell’obiettivo, permetteva acclarare il motivo di tanta attività. Infatti i militari notavano che gli uomini p…

MONTORO – I Carabinieri della Stazione di Montoro Inferiore hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, due persone in quanto ritenute responsabili di aver avviato una casa di prostituzione. Da alcuni giorni infatti i militari avevano notato un insolito e continuo via vai di uomini. Una attenta osservazione dell’obiettivo, permetteva acclarare il motivo di tanta attività. Infatti i militari notavano che gli uomini prima di accedere all’abitazione, utilizzavano una sorta di codice per farsi riconoscere, solitamente una telefonata in luogo della chiamata dal citofono. Dopo la chiamata, ad aprire la porta, in succinti abiti, provvedeva una avvenente signora che furtivamente li faceva entrare in casa. Nello sviluppo delle indagini i militari hanno proceduto all’identificazione di alcuni avventori che, discretamente avvicinati, non hanno potuto che confermare la natura illecita delle prestazioni che vi si praticavano. Quindi, decisi ad intervenire, i Carabinieri sono entrati con uno stratagemma all’interno dell’abitazione riscontrandovi l’effettiva presenza di una 40enne cinese ma residente in provincia di Varese, che si prostituiva. I successivi accertamenti investigativi scaturiti dalle evidenze raccolte, hanno consentito ai militari di far altresì emergere responsabilità a carico di una seconda persona, un 60enne, pure di origini asiatiche, ma residente a Napoli, che aveva ceduto l’immobile in sub locazione all’avvenente donna, tollerandone l’illecito utilizzo praticatone da questa. All’esito dell’attività di Polizia Giudiziaria i militari sottoponevano a sequestro l’abitazione, il materiale pertinente all’attività svolta, il cellulare ed alcune centinaia di euro probabile provento dell’illecita attività. A carico della donna veniva altresì inoltrata proposta per l’emissione della misura di prevenzione del rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio dal comune di Montoro.

Ultimi Articoli

Top News

Renzi “Il coprifuoco va tolto, non serve più”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il coprifuoco va tolto perchè non serve più, perchè ogni giorno mezzo milione di persone si vaccina a fronte di 10mila contagiati. Va tolto del tutto. Se va ancora tenuto, direi al limite fino a mezzanotte”. A dirlo il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a “Dritto e Rovescio” su Rete4.“Ora la […]

[…]

Top News

Giustizia, Salvini “Raccoglieremo firme con i radicali per referendum”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Questo Parlamento con Pd e 5Stelle non farà mai una riforma della giustizia. Per questo stiamo organizzando con il Partito Radicale una raccolta di firme per alcuni questiti referendari”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini nel corso della registrazione di Porta a Porta.La mia posizione sul coprifuoco? “Penso che si […]

[…]

Top News

Giochi, Schiavolin (Snaitech) “Sostenibilità driver di innovazione”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Salutiamo con grande favore i numerosi messaggi di approvazione che ci sono pervenuti a vario titolo per l’adesione di Snaitech all’United Nations Global Compact, la più grande iniziativa a livello mondiale per la sostenibilità del business. Si tratta di un importante progetto che rappresenta solo una parte dell’impegno che da anni ci […]

[…]

Top News

Spari contro peschereccio italiano in Libia, ferito il comandante

6 Maggio 2021 0
MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) (ITALPRESS) – Il comandante del peschereccio Aliseo della marineria di Mazara del Vallo, Giuseppe Giacalone, è stato ferito da colpi di arma da fuoco esplosi dalla Guardia costiera libica al largo delle coste di Misurata. Una raffica di spari ha colpito il comandante che adesso è ferito, in condizioni ancora da […]

[…]