Caso Blasco, concluse le indagini: Pm chiedono rinvio a giudizio?

AVELLINO – I magistrati della Procura della Repubblica di Avellino Elia Taddeo e Roberto Patscot hanno firmato l’avviso delle conclusione delle indagini preliminari nei confronti dell’ex prefetto di Benevento e Avellino Ennio Blasco e di altri tre indagati nell’ambito dell’inchiesta che ha portato nell’aprile scorso all’arresto di Blasco, attualmente sottoposto alla misura del divieto di dimora in Campania. I Pm hanno chiuso la prima parte degli accertamenti. Con l’avviso di conclusione d…

AVELLINO – I magistrati della Procura della Repubblica di Avellino Elia Taddeo e Roberto Patscot hanno firmato l’avviso delle conclusione delle indagini preliminari nei confronti dell’ex prefetto di Benevento e Avellino Ennio Blasco e di altri tre indagati nell’ambito dell’inchiesta che ha portato nell’aprile scorso all’arresto di Blasco, attualmente sottoposto alla misura del divieto di dimora in Campania. I Pm hanno chiuso la prima parte degli accertamenti. Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, quello che nelle prossime ore sarà notificato al Prefetto Blasco e agli altri indagati, ci sarà poi un termine di venti giorni affidato alla difesa per depositare nuove o eventuali memorie difensive e richieste di interrogatorio. Decorsi tali termini, si potrebbe anche giungere alla richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell’ex prefetto e degli altri tre indagati. Per uno di loro, uno dei fratelli Buglione, il Tribunale del Riesame pochi giorni fa avrebbe confermato la misura emessa dal Gip del Tribunale di Avellino Giovanfrancesco Fiore. Blasco, difeso dai penalisti Amedeo Di Pietro e Gaetano Aufiero, si è sempre difeso dalle accuse di aver accettato regali o qualsiasi altra cosa dai fratelli Buglione, ribadendo di non aver ritardato le interdittive antimafia nei confronti delle loro società di vigilanza.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]